Home / RECENSIONI / Two Fingerz – Il Disco Nuovo

Two Fingerz – Il Disco Nuovo

 

[the_meta]

Il rap è diventato un serbatoio di simboli e stili da cui giovani artisti attingono senza scrupoli. Dalla realtà di strada dei Co’Sang ai miti un po’ sbruffoni ed esagerati della Dogo religione, i giovani rapper prendono e apprendono la lezione, per riproporla senza rielaborarla affatto. Anche i riferimenti alla black music e alle “quattro discipline”, rientrano in questo triste modo di fare, trasformandosi in semplici slogan ormai svuotati del proprio valore originale.
Qualcuno che si distingue ogni tanto c’è, ma spesso le eccezioni sono così calcolate da ricadere non solo nel manierismo, ma addirittura nel cattivo gusto.
Roofio e Dan-t, ovvero i Two Fingerz, rappresentano un’eccezione alle eccezioni. E questa è una buona cosa.
Il loro rap si discosta dai canoni della scena almeno quanto da quelli del rap commerciale. Certo, come sonorità prosegue la direttrice segnata da Crookers/Dargen D’Amico/e dal Rap da Discoteca, ma una di quelle discoteche dove vai davvero per divertirti… se ne esistono ancora.
Le tracce del Disco Nuovo sono tutte prodotte da Roofio con la sola eccezione per la numero 7 prodotta da MasterMaind. Nelle 13 tracce del disco, Danti parla della sua personalissima visione del mondo, senza mettersi in cattedra come fanno molti artisti, senza avere la presunzione di dirci ciò che è giusto o sbagliato, ma confessando verosimilmente il suo pensiero e le sue insicurezze. Nel pezzo “Quanti Danti”, poi, ironizza sul suo ruolo d’artista, rispondendo a chi dice di voler essere come lui, che lui per primo vorrebbe “essere come altri”.
Ascoltando il Disco Nuovo ci si accorge della passione di Danti per i giochi di parole e le citazioni d’effetto, spesso rubate a film o a personaggi pubblici che fanno ormai parte di quella realtà mediatica inevitabilmente connessa al nostro tessuto sociale.
Certo, non sempre tutte le uscite sono originali, ma la peculiarità del suo modo di comunicare sta proprio in questo: nel suo essere non sopra un palco, ma sotto, in mezzo al pubblico, parlando all’ascoltatore con le stesse parole che lui stesso userebbe.
Del resto, l’album contiene i preziosi contributi di Dargen D’Amico e Fabri Fibra. Artisti che hanno fatto della comunicazione minimale e diretta il punto di forza del rap italiano.

(Andrea Mazzoli)

TRACKLIST

01) Figli Del Mouse (prodotta da Roofio)
02) Starnuti Da 50 Euro (prodotta da Roofio)
03) Quanti Danti (prodotta da Roofio)
04) Chebomba (prodotta da Roofio)
05) Blu feat Dargen D’Amico (prodotta da Roofio)
06) Sempre Accese feat Yves (prodotta da Roofio)
07) Troppe Parole feat Master Maind (prodotta da MasterMaind)
08) Più Vuoi (prodotta da Roofio)
09) Nessuno Ascolta (Na nana nana) feat Dargen D’Amico (prodotta da Roofio)
10) Un Ritornello Che Fa (prodotta da Roofio)
11) Canzoni da Stadio (Po Po Po Pooo) feat Fabri Fibra (prodotta da Roofio)
12) Pensarea a Loro feat Simona Barbieri & Yves (prodotta da Roofio)
13) Buffo feat Dargen D’Amico & Sewit Villa (prodotta da Roofio)

 

 

 

About RapBurger #1

Lascia un commento

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>