shopclues offers today 2017

amazon coupons code india

clear trip coupon code promo

flipkart coupon code

globalnin.com

Bad Meets Evil – Hell: The Sequel

 

[the_meta]

Questo EP chiude il cerchio aperto dodici anni fa, quando in The Slim Shady LP, Eminem e Royce Da 5’9’’ collaborarono per la prima volta. Da allora lo sapete tutti come sono andate le cose: uno è entrato nell’olimpo dei big, l’altro ci sta provando in tutti i modi collaborando, lavorando, litigando con altri rappers, facendo il ghost writer per altri MC e chi più ne ha più ne metta. D’altronde come diceva il grande Dennis Rodman “Non esistono pubblicità negative, l’unica pubblicità negativa è un necrologio”.
Il problema di questo lavoro è che si trova più da dire su questi elementi “di contorno” rispetto a quello che è il disco in sé.
Di fatto l’album è scorrevole solo se lo fate partire e non rimanete concentrati aspettandovi i fuochi d’artificio. Ben presto il flow cantilenante di Eminem vi porterà in una sorta di stato di trance e, non preoccupatevi, Royce Da 5’9’’ non risulterà tanto più brillante. Per rendere il tutto più omogeneo anche le strumentali sono perfettamente in linea: poca fantasia e tantissima ripetitività. Di movimento ce n’è davvero pochino e quel che ne risulta è un’atmosfera scura, pesante… avete presente la pubblicità della Brioschi?
Se proprio dovessi trovare qualcosa che svetti, si intravede del buono in “Fast Lane”, il primo singolo, che, per certi versi, ricorda sonorità vicine a Timbaland; anche “Living Proof” e “Echo” hanno una mezza marcia in più anche se in quarta non ci si arriva mai, anzi, sembra di andare sempre col freno a mano tirato. In più se si pensa che questi ultimi due pezzi sono contenuti solo nella “Deluxe Edition”, il tutto ha il gusto di un paradosso.
Concludendo, questo Hell: The Sequel non aggiunge nulla alla carriera dei due rappers di Detroit: Eminem poteva tranquillamente evitarlo e tantomeno aiuterà Royce Da 5’9’’ ad emergere finalmente dall’underground. Una delle poche cose che incide favorevolmente sul voto è la brevità del lavoro, altri pezzi, con questo mood, avrebbero solo allungato la sofferenza.

(Nicola “Webster” Zito)

TRACKLIST

1) Welcome 2 Hell (Prodotta da Havoc)
2) Fast Lane (Prodotta da Supa Dups)
3) The Reunion (Prodotta da Sid Roams)
4) Above the Law (Prodotta da Mr. Porter)
5) I’m On Everything feat Mike Epps (Prodotta da Mr. Porter)
6) A Kiss (Prodotta da Bangladesh)
7) Lighters feat Bruno Mars (Prodotta da Eminem, The Smeezingtons & Battle Roy)
8) Take from Me (Prodotta da Mr. Porter)
9) Loud Noises feat Slaughterhouse (Prodotta da Mr. Porter)

About Stefano Zanoni

Creative Director, hip hop lover e un altro paio di errori meno rilevanti.

Sparati anche questo!

Commodo Gladiatore Imperatore

Quello che ci è piaciuto e quello che non ci è piaciuto del 2019

Il 2019 volge al termine ed è tempo di bilanci. Abbiamo deciso di fare una …

Lascia un commento

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>