Home / RECENSIONI / Maybach Music Group – Self Made vol. 1

Maybach Music Group – Self Made vol. 1


[the_meta]

Wale, Meek Mill e lui medesimo. È uno strano trio quello che Rick Ross ha scelto per reggere il peso del lancio definitivo della sua etichetta Maybach Music Group: tre artisti con provenienza, stili e background completamente diversi. Un modo per attirare anche chi non apprezza il rap del “Bawse”, ma che alla fine penalizza Self Made vol. 1, che suona come un album di Rick Ross in cui rappano anche artisti che con lui c’entrano poco. Basta sentire, per esempio, “Tupac Back”, dove Meek Mill si impegna al massimo per rappare come Ross su un beat che ricalca quelli che da troppo tempo stanno caratterizzando il rapper di Miami, con il risultato che il tutto sembra un po’ inutile… Il secondo nome più noto dopo il leader del gruppo è anche il più lontano dallo stile Maybach: Wale, che se in molti pezzi riesce a distinguersi, in altri invece casca nella trappola e si “rickrossizza” (“Fitted Cap” o “600 Benz”, con Jadakiss). Dove invece i due sono senza Ross sembrano molto più a loro agio (“Running rebels”). E gli altri dell’etichetta? Il quarto nome più presente è quello di Pill: senza infamia e senza lode, anche se spicca abbastanza nella traccia “Don’t let me go”, assieme a Gunplay dei Triple C’s. Proprio i Triple C’s (il gruppo di Rick Ross) si notano più per la loro assenza che per la loro presenza: Torch e Gunplay sono presenti in un solo pezzo mentre non c’è traccia di Young Breed, non proprio una gran dimostrazione di fiducia, mentre in tutto questo Ricky Rawse ha anche trovato modo di infilare un po’ di featuring: Jadakiss, Curren$y, French Montana e qualcun altro. Ma alla fine i pezzi migliori sono quelli dove Wale, Ross e Mill mantengono il loro stile su beat riusciti di Just Blaze (“Self Made”) e degli Inkredibles (“Play your part” e “Pandemonium”, dove Rick Ross dimostra ancora una volta di essere diventato un rapper pazzesco). Gli altri produttori si limitano invece a imitare il più possibile Lex Luger, anche perché il produttore fenomeno di un momento fa sta cercando finalmente di evolversi un po’, e a giudicare da uno dei suoi due beats presenti in Self Made (“That Way”) potrebbe anche essere sulla buona strada. In conclusione, una compilation come sempre con un sacco di alti e bassi, consigliatissima ai fan di Ross e assolutamente sconsigliata ai fan di Wale (che ci rimarrebbero molto male). Gli altri invece le diano almeno un ascolto, se non altro perché qualche traccia che merita in assoluto c’è.

(Daniele “Spu” Signorelli)

TRACKLIST

01) Self Made (Wale, Meek Mill, Pill, Rick Ross e Teedra Moses) prodotta da Just Blaze
02) Tupac Back (Meek Mill e Rick Ross) prodotta da Mike Will & Marquel “Marz”
Middlebrooks Of Eardrummers
03) 600 Benz (Wale e Rick Ross, featuring Jadakiss) prodotta da Cardiak
04) Pacman (Rick Ross e Pill) prodotta da Young Shun, DJ Spinz
05) By Any Means (Rick Ross, Meek Mill, Wale e Pill) prodotta da Lil’ Lody
06) Fitted Cap (Wale, Meek Mill e Rick Ross, featuring J. Cole) prodotta da Beat Billionaire
07) Rise (Pill, Wale & Teedra Moses, featuring Cyhi Da Prynce & Curren$y) prodotta da Cardiak
08) That Way (Wale and Rick Ross, featuring Jeremih) prodotta da Lex Luger
09) I’m a Boss (Meek Mill e Rick Ross) prodotta da Jahlil Beats
10) Don’t Let Me Go (Pill and Gunplay) prodotta da Lee Major of The Inkredibles
11) Pandemonium (Wale, Meek Mill e Rick Ross) prodotta da Lee Major of The Inkredibles
12) Play Your Part (Rick Ross, Meek Mill e Wale, featuring D.A.) prodotta da Lee Major of The Inkredibles
13) Ridin’ on Dat Pole (Pill) prodotta da Beat Billionaire
14) Big Bank (Pill, Meek Mill, Torch, Rick Ross, featuring French Montana) prodotta da Young Shun, Lex Luger
15) Running Rebels (Wale, Meek Mill, Stalley & Teedra Moses) prodotta da Tone P

About RapBurger #1

Lascia un commento

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>