Home / INTERVISTE & RUBRICHE / INTERVISTE / BURGER CAFÈ / Jack The Smoker al Burger Cafè

Jack The Smoker al Burger Cafè

 

Ecco che ci ritroviamo al nostro Burger Cafè, il “bar sport” di RapBurger dove chiacchierare con leggerezza del mondo del pallone o di sport in generale.
Oggi qui con noi abbiamo Jack The Smoker, rapper milanese di fede rossonera. Mentre Jack sorseggia un grappino digestivo ci scambiamo un po’ di idee su questo momento della Serie A nei giorni di fine mercato.

Sei tifoso milanista e anche nella tua pagina Facebook parli spesso di calcio. Che tipo di tifoso sei? Il tuo compagno di palco Kuno è interista, come vivete questa rivalità?

Jack The Smoker: In realtà è da un paio di anni che abbiamo riacceso la passione per il calcio, visto che abbiamo vissuto tutti un periodo post-calciopoli dove eravamo decisamente delusi. Per questo motivo per qualche anno non abbiamo seguito quasi per nulla.
Fortunatamente per me questo periodo coincideva con anni un po’ transitori, non ho perso le lacrime necessarie per la cessione di Kakà, anche se poi forse ci è andata bene. Con Kuno chiaramente abbiamo un conto in sospeso perché la Champions più fresca vinta da una italiana se l’è messa in saccoccia l’Inter. Mi ricordo che l’anno di Mourinho e del triplete  andavamo con Bat e altri amici a gufargli in casa, ma con scarsi risultati. Quell’anno lì Kuno ci ha, come dire… infilato “grossi cazzi in bocca”. Poi però l’anno scorso è stato bello, ci siamo visti anche prima del derby di ritorno, ci siamo bevuti un po’ di birra insieme ed il patto era che poi, qualunque risultato ci fosse stato, non ci saremmo comunque sentiti. Ce la viviamo così, prima amiconi, poi è meglio non vedersi per un po’.

Tu segui le partite in Tv, ti bastano i risultati o sei proprio abbonato?

Jack The Smoker: Io sono tesserato, l’anno scorso mi sono visto pressocchè tutto, tranne quando avevo delle date. A volte quasi mi dispiaceva dover andare a suonare e perdermi magari una partita importante. Eheh.

Pochi giorni fa c’è stato il sorteggio dei gironi di Champions. Il tuo Milan ha trovato il Barcellona già alla prima partita, come vedi i gironi delle italiane?

Jack The Smoker: L’Inter ha avuto il solito culo nei gironi… devo dire che il sorteggio del Milan mi ha fatto paura quando il primo avversario annunciato è stato il Barcellona, poi a parte il calendario, per come è strutturato, è andato tutto bene. A Barcellona c’è il rischio di fare una figuraccia perché per via dello sciopero la squadra arriva con una sola partita nelle gambe, insomma al Camp Nou rischiamo grosso. C’è Gattuso squalificato, Van Bommel fuori, Aquilani che è appena arrivato e Flamini infortunato per 5 o 6 mesi. Il sorteggio è buono, tutto sommato, però alla prima in casa dei campioni uscenti ho l’impressione che ne potremmo prendere “agevolmente” 3. Il sorteggio del Milan però è il migliore possibile, in fondo ti togli il Barcellona dai quarti. Quello dell’Inter bisogna un attimo vedere, c’è il Lille che ha buone individualità, c’è il CSKA che è una squadra valida. Il Napoli ha il girone più difficile, anche se si è mosso bene sul mercato, vedremo come va a finire, purtroppo per loro vedo poche possibilità. Però in fondo non è detto, certo il gap con le squadre straniere sta aumentando decisamente.

Pur non facendo un rap politicizzato hai spesso trattato argomenti relativi al sociale, sei milanista e quindi tifi la squadra di Berlusconi. Ti fa problemi questa situazione?

Jack The Smoker: Eheh, questo è il peccato originale! Sì che mi fa problemi, certamente. Sono anche vittima di prese in giro dai miei due soci che hanno inventato la gag del “Grazie Presidente!”. Dopo l’arrivo di Ibra, l’anno scorso, mi hanno rotto i coglioni per mesi con ‘sta storia del “Grazie Presidente!”.
C’è da dire che vivo la cosa in maniera conflittuale, però cosa ci posso fare? Il lato positivo è che è una dirigenza navigata, che lavora bene… purtroppo è la società di Berlusconi. Io sono abbonato, e sostengo la società non il presidente. Il Milan non è Berlusconi e se un giorno morirà avremo un altro presidente, sperando che non sia Piersilvio o un “Pier-vari”.

Il calciomercato di quest’anno è sembrato un po’ sottotono. Ti aspetti qualche colpo per l’ultimo giorno? Oppure pensi che gli organici dei team principali siano apposto?

Jack The Smoker: Conoscendo Galliani possiamo aspettarci di tutto, soprattuto a fine mercato dove i prezzi si abbassano per i giocatori che non sono stati piazzati. Si parla di Montolivo, che Corvino insiste a dire che non venderà in Italia, ma voglio vedere se piuttosto di non venderlo alle concorrenti lo perderà a parametro zero a gennaio. Secondo me il Milan potrebbe prendere lui, che è un po’ un colpo di Serie B, ma almeno serve a ringiovanire il centrocampo anche in ottica Champions. In Europa Gattuso sarà squalificato per 4 giornate, Flamini è fuori per quasi tutta la stagione, Emanuelson non ha le skillz da interno, Van Bommel è mezzo rotto, Ambrosini ha 34 anni, Seedorf 200… insomma non so come vogliamo gestirla. Ovvio che col Bate Borisov Seedorf forse può bastare.
L’Inter ha preso quel rottame di Forlan e forse prenderà Zarate, ma anche lui che giocatore è? Sicuramente un’incognita. La Juve forse prenderà Lugano… comunque tutti giocatori di una certa età e in fase calante. La Lazio ha fatto dei bei colpi ma tutti un po’ a fine carriera. Ormai in Serie A si cerca di prendere sempre campioni da rilanciare, che può essere buono quest’anno che ci sono gli Europei, però un tempo i campioni te li tenevi, ora li vendi per prendere giocatori ormai superati.

Passiamo ai nostri Calci di Rigore. Cinque domande a cui dare una risposta secca.

1)Ibra o Van Basten?

Jack The Smoker: Che discorsi, Van Basten, cento volte.

2) Moratti è un presidente vincente o il più pirla dei presidenti?

Jack The Smoker: Prima sembrava un pirla, poi una Champions se l’è portata a casa. Uno spendaccione che ce l’ha fatta.

3) A chi andrà lo scudetto: Milan, Inter, Juve o Napoli?

Jack The Smoker: Dico sicuramente non il Milan, per scaramanzia.

4) Il mercato impossibile: Ibra e Pato per Cristiano Ronaldo? li scambieresti?

Jack The Smoker: Assolutamente no, Ibra ti garantisce lo scudetto ogni anno e Pato, se esplode, ha i numeri per essere un altro Cristiano Ronaldo. Poi non dimentichiamoci la media realizzativa di Pato.

5) Il vero bidone dell’anno scorso è stato: Bonucci, Didac Vila o Biabiany?

Jack The Smoker: Non sono tre veri bidoni, per me hanno tutti delle potenzialità. Direi Bonucci ma con alibi, è difficile a 23 anni prendere in mano la difesa di una Juve in difficoltà.

Finiamo il secondo giro e ci salutiamo, sperando che l’assurdo sciopero dei calciatori finisca presto e che finalmente ci si possa divertire un po’ con le partite che contano. Poi, in fondo, al bar siamo tutti allenatori, direttori sportivi e presidenti.

(Stefano Zanoni)

About RapBurger #1

Lascia un commento

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>