Home / RECENSIONI / Inoki Ness – Flusso di Coscienza

Inoki Ness – Flusso di Coscienza

 

[the_meta]

Flusso di Coscienza è un nuovo viaggio nel mondo di Inoki.
Un mixtape, o meglio un “album pirata” come suggerisce il sottotitolo in copertina, dalle atmosfere fortemente vintage/golden age e da turbini di rime agguerrite con le quali il rapper di “Bolowood” è cresciuto.
Le produzioni sono dunque un tuffo nel passato, quasi tutte americane anni novanta o di primi anni duemila, tranne alcune tracce prodotte da beatmakers italiani amici (una anche da Inoki stesso), e ci riportano a rivivere sonorità sempre meno accettate dal mondo dei fan del rap di oggi e sempre più considerate pezzi d’antiquariato impolverati.
In realtà queste sedici tracce, arricchite da due bonus e vari skit, strabordano di incastri, rime affilate, pathos, rabbia e creatività.
Inoki è ancora vivo, suona ancora forte e ama ancora troppo questa roba.
Il suo timbro vocale, sommato alla foga espressiva che da sempre lo contraddistingue, evoca ancora tanto ed esprime ancora in modo orgoglioso la voglia di hip hop.
Negli ultimi anni, però, il rapper bolognese è stato anche strapazzato dal pubblico, in particolar modo dai più giovani e per lo più su internet.
Le accuse d’incoerenza per aver tentato il successo in major senza risultati soddisfacenti e di troppa invidia nei confronti invece di chi ha saputo sfruttare al meglio il mainstream guadagnando popolarità vera e scalate vertiginose nelle classifiche ufficiali, si sprecano un po’ ovunque.
Ma se le realtà ti prende a tibiate non ti batte ma rende più forte.
Così da un periodo difficile Inoki torna con un libro di rime pronto a esplodere e un senso di apertura verso l’ascoltatore invidiabile per concretezza e semplicità comunicativa: la dimostrazione che il vero rap è fatto di rime, non di gossip.
Inoltre, la scelta di distribuire il cd in uscita solo ai concerti, è una scelta molto forte e apprezzabile, oggi che i grossi risultati di vendita sembrano essere sinonimo di qualità e i concerti sono seguiti più su youtube che dal vivo.
I numeri in un certo senso fanno la differenza, il successo invoglia un po’ tutti, chi vende è più popolare e seguito, ma tutto questo non basta, non è tutto.
Un disco deve emozionarmi, descrivere il mio tempo, accompagnarmi mentre faccio tutt’altro.
Ecco, Inoki, con questo Flusso di Coscienza, senza chiedere nulla mi ha portato a un suo concerto, mi ha fatto acquistare il suo mixtape venduto a mano dopo il live, e con tutta la passione che ci ha cacciato dentro, mi ha davvero emozionato. Questo conta davvero.

(Alessandro Scagliarini)

TRACKLIST

01) Ancora vivo
02) Vieni di qua
03) Ciro Skit
04) Io non T.V.B. feat Nunzio Streetchild
05) Prendi questo
06) Worldwide
07) Neurodeliri feat Mo Pasha
08) Non passa giorno feat Nunzio Streetchild
09) Piatto prelibato (Prodotta da Dj Zues)
10) Coriandoli
11) Tutto cambia feat Nunzio Streetchild e Eddy j (Clandestini Ghetto)
12) Senti lei
13) Il sole su di noi feat Lamaislam
14) Io vorrei
15) Suona forte
16) Gioia e rivoluzione
17) Anni fa feat Esa, Tormento, Fadamat, Mad Dopa (Prodotta da Dj Alik)
18) Vieni (Palermo Session) (Prodotta da Village)

About RapBurger #1

  • Cucc

    Bel sito e bella recensione. Inspiegabile dal mio punto di vista il “ridicolo” 7.2 . Certo Flusso di Coscienza non è da 10 rispetto a molti suoi lavori passati ma di certo rispetto alle “Trashate” che stanno uscendo in questo periodo ( + soldi – contenuti ) è quasi un capolavoro. Finite anche le copie in ristampa con un disco che è stato venduto solo ed esclusivamente a mano, non male come risultato ( ricordo i soli 5 euro a copia ). Inoki rappresenta l’essenza del vero HipHop e per questo andrebbe premiato e lodato. Per quanto riguarda il discordo “Major” Inoki ha affermato in intervista di aver iniziato con un etichetta dopo essere stato in America, cioè dopo essere stato contaminato dall’idea del successo americano. Se ha abbandonato la Major è stata solo una sua scelta personale perchè le vendite non erano per niente scarse. Resta a voi se crederci. Nonostante ciò anche in Major ha detto cose che i tristissimi artisti Mainstream di oggi non direbbero. Rispetto per Inoki. ” Una cultura ha bisogno di essere tramandata, non di vendere. ” [Inoki Ness] . Big Up

  • vabbè

    Davvero rispetto per Inoki, che ci mette una passione davvero genuina in quello che fa. I pezzi di questo album pirata non sono tutti bellissimi, ma sono tutti ampiamente sopra la sufficienza. Rispetto a tanta altra roba scialba e inconsistente che gira adesso poi siamo di fronte a un capolavoro, forse però più per demerito altrui. Aspettiamo altre uscite di Inoki, nel frattempo si può dire che questo mixtape sia una bella premessa per questa sua nuova fase artistica / personale. Avanti così!

  • BSdoppiaH

    Grande album di Inoki, rispetto allo schifo che gira in questo momento, l’hip hop mainstream senza sostanza è davvero un lavoro dove ha ridimostrato di non essere inferiore a nessuno. Dalla sua sincerità, realtà, stile crudo e tagliente, descrizione di stati d’animo, circostanze, situazioni e uno sguardo ampio su più argomenti inerenti al mondo reale e a quello dell’hip hop. Davvero complimenti!!! Disco assolutamente da 9 rispetto a ciò che si trova in giro!

  • Pingback: Fuori il primo singolo del nuovo disco di Inoki | RapBurger

  • Gabbo

    Inoki con questo disco è maturato su molti aspetti ma su altri è rimasto lo stesso, rimane il fatto che lui fà musica col cuore è il disprezzo da i fan piu ignoranti non ha fatto che renderlo piu forte però (secondo me) da un lato anche fragile, l’album pirata è di una qualità rara ci ha messo un pezzo della sua vita (come in tutti gli altri) 9 – 8.5

  • GIROLAMO d’Italia

    La differenza che passa tra un cd di Inoki e la “sbobba” griffata MAJOR è la stessa che passa tra un piatto di tortellini in brodo(tanto per restare a Bolo)ed un panino alla merda del fast-food. big up Fab