shopclues offers today 2017

amazon coupons code india

clear trip coupon code promo

flipkart coupon code

globalnin.com

Ghostpoet – Peanut Butter Blues & Melancholy Jam

 

[the_meta]

Anticipato dall’ipnotico singolo “Carry Me Home” nel Febbraio 2011 esce Peanut Butter Blues & Melancholy Jam, il primo LP del londinese Obaro Ejimiwe, in arte Ghostpoet. Un’ottima prima prova per Ghostpoet, che scrive e produce l’intero album, ma anche un’uscita che non passa inosservata, complici un paio di ottimi video, l’attenzione dei media che contano, da Dazed&Confused al Guardian, e l’endorsement del padrino della “urban music che vende” Mike Skinner (a.k.a. the Streets).
PBB&MJ mescola i suoni più attuali dell’underground uk con un sapore hip hop old school che ne fanno il disco perfetto per l’estate del grande ritorno del suono dei ‘90 e delle riot per le strade, adatto ad un pubblico probabilmente più eterogeneo di quello che lo stesso Ghostpoet si aspettava.
Al di là dell’hype resta il fatto che è un disco ben fatto, prodotto con cura, compatto, corposo ed atmosferico, da ascoltare e riascoltare nei pomeriggi piovosi come nelle mattine di sole dopo una serata di festa grande, mentre aspetti che le aspirine facciano effetto.
Il grande merito del disco è quello di essere, a suo modo, coraggioso, alla ricerca di un suono e di una modalità espressiva autonomi ed originali, lontano tanto dagli standard e dalle tematiche del rap statunitense quanto dall’esuberante ed esplosiva scena grime britannica. Altro aspetto non trascurabile è che è un disco che smuove e coinvolge.
Pur essendo lontano dall’essere l’Original Pirate Material degli anni 10, questo disco traccia una nuova importante tacca sullo stipite della porta dove viene registrata la crescita dell’hip hop britannico.

(Fabrizio Festa)

TRACKLIST

01) OneTwos
02) Run Run Run
03) Us Against Whatever Ever
04) Finished I Ain’t
05) Longing For The Night
06) Yeah Pause
07) I Just Don’t Know
08) Survive It
09) Gaaasp
10) Cash and Carry Me Home
11) Garden Path
12) Liiines

About Stefano Zanoni

Creative Director, hip hop lover e un altro paio di errori meno rilevanti.

Sparati anche questo!

colle der fomento adversus

I Colle Der Fomento hanno fatto un grande disco senza tempo

foto di Daniele Peruzzi Suonerà pure come opinione impopolare ma non nascondo di aver provato …

Lascia un commento

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>