shopclues offers today 2017

amazon coupons code india

clear trip coupon code promo

flipkart coupon code

globalnin.com

Intervista Salmo

Salmo è l’artista rivelazione della scena Hiphop italiana. Provenienza sarda e un passato musicale non convenzionale. Recentemente si è sviluppata nel web una grossa discussione riguardante i suoi scontri con l’etichetta con cui ha pubblicato il suo disco The Island Chainsaw Massacre. Sentiamo cosa ci ha raccontato su questo ed altri argomenti.

1) Sono bastati pochi video a trasformarti in superstar del rap, tanto da diventare un nome di punta in manifestazioni importanti come il compleanno di HipHopTV a Milano. Prima di The Island Chainsaw Massacre, Salmo dov’era?

Salmo: Ero in giro per l’Italia e l’Europa a fare la fame con i miei vecchi gruppi musicali.

2) Qual è stata la svolta nella tua carriera musicale e cosa credi che ti differenzi dagli altri gruppi che, invece, una svolta ancora non l’hanno trovata?

Salmo: Sinceramente non ne ho idea. Quando ho lavorato al disco non avevo un piano malefico e non c’era una strategia, a dire la verità ero preda del pessimismo che tutt’ora non mi manda mai a dormire.
Mettiamola così, avevo qualcosa da dire e l’ho detto al momento giusto, la svolta era automatica.

3) Stai puntando tantissimo sul tuo personaggio, con testi forti, un sound e un’immagine curatissimi e mai convenzionali. Caratterizzarsi così tanto, credi sia la mossa migliore per questo panorama musicale oppure, alla lunga, rischia di esaurire il proprio fascino?

Salmo: Le novità diventano abitudini e finiscono sempre con un “hai rotto il cazzo”. Non mi interessa sapere come va a finire, mi sono preso le mie piccole soddisfazioni e non ho altre pretese.
Il problema è che le persone ti mettono alla prova, devi sempre stare attento ad ogni singolo passo. Ci sono malati che fanno della vita altrui una questione personale!
Prendete le cose meno sul serio.

4) Da poco sei entrato nel booking della ZonaUno, agenzia che si occupa, tra l’altro, di artisti come Guè Pequeno e Fedez, nell’ambiente si vocifera che questa cosa possa portarti ad abbandonare la KickOff Recordz per passare a Tanta Roba, label proprio di Harsh e Guè. Cosa c’è di vero?

Salmo: Ho dovuto sganciarmi dalla Kick Off perché avevo bisogno di un supporto più organizzato, non voglio mettere in cattiva luce il lavoro della Kick Off, ma è giusto dirti la verità.
Hanno caricato il mio disco sugli web store e non ho mai visto neanche un centesimo, ho avuto solo una piccola parte della ristampa meccanica, non mi hanno mai organizzato una data e non ho ricevuto supporto nelle spese dei video. Ho lavorato e ho levato i soldi dalle mie tasche come sempre.
Qualcuno ha parlato di tradimento, come se avessi tradito l’etichetta che ha permesso tutto quello che sto vivendo in questo momento…
Sia ben chiaro, ho fatto da solo.

5) Hai un background musicale molto distante dal classico rapper. Quali sono i tuoi artisti preferiti? Quali sono i generi musicali che ascolti maggiormente?

Salmo: I classici del rap anni novanta, svariati gruppacci punk rock hardcore, vecchi ubriaconi capelloni che fanno trash, bassline e dub step a martello pneumatico!

6) Quali sono i tuoi prossimi progetti e dove ti immagini tra qualche anno?

Salmo: Stiamo lavorando al mixtape Machete e al mio nuovo album Death U.S.B., inoltre tra qualche anno sarò ancora qui con la gola in fiamme.

(Andrea Mazzoli)

About Stefano Zanoni

Creative Director, hip hop lover e un altro paio di errori meno rilevanti.

Sparati anche questo!

ennio-morricone

L’eredità di Morricone nel rap

Ieri ci ha lasciato il compositore probabilmente più conosciuto d’Italia, Ennio Morricone. La sua carriera …

Lascia un commento

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>