Home / RECENSIONI / Meek Mill – Dream Chaser

Meek Mill – Dream Chaser

 

[the_meta]

Dopo aver passato qualche anno di troppo nel giro di T.I. senza però riuscire a far parlare di sé, rischiando di bruciare il suo talento e la sua carriera, Meek Mill sembra aver trovato la strada per il successo sotto l’ala protettiva di Rick Ross e il suo Maybach Music Group.
Dopo le ottime prove su Self Made Vol.1 con i compari della MMG, featuring e collaborazioni di grosso calibro, il rapper di Philadelphia compie il passo successivo lungo la strada che lo porterà all’album d’esordio e la possibile consacrazione come nuovo pezzo grosso della scena: l’immancabile mixtape ufficiale, con la complicità di Dj Drama.
Dream Chaser è il titolo del tape, e ascoltandolo ci si toglie ogni dubbio (se qualcuno ne avesse avuti…) su quale sia il sogno che Mill sta inseguendo: money, money, money. E quando non parla di soldi, il rapper con 15 mesi di galera alle spalle a soli 24 anni concentra la sua ottima capacità lirica su droghe, streetlife, donne e party. Niente di male, anche perché bisogna tenere a mente come questo non sia un album (e si sa che tutti, in un tape, si concentrano molto meno sugli argomenti, dando la priorità alle metriche) e che il punto di forza di Meek Mill non è certo la profondità, ma una metrica e uno stile freschissimi che si sposano alla perfezione con l’imprint che Rick Ross ha dato a tutti i prodotti MMG, caratterizzati dai beat in stile Lex Luger con bpm bassi, prodotti anche da All Star, Jahlil Beats e Tone Beats. “Work” (con Rick Ross), “Derrick Rose”, “Body Count” (sempre con Rozay) ne sono gli esempi perfetti, pezzi che proseguono sullo stesso filone delle due hit precedenti di Mill & Ross: “Tupack Back” e “Ima Boss” (presente anche sul tape). Ma questa volta, probabilmente anche perché quello è un genere di suono che sta iniziando a stufare, i pezzi meglio riusciti sono altri: “Get dis money”, “Middle of the summer”, “Wont stop”, che almeno hanno delle sonorità un po’ diverse…
La vera pecca di un tape che chiunque sia fan del suono MMG non potrà che consumare sta proprio in quello che sembrerebbe essere il suo punto di forza: il suono MMG, appunto. Nel senso che troppi pezzi, quasi una decina, suonano troppo uguali l’uno all’altro, con il difetto che alla lunga sembra di sentire in rotazione sempre la stessa cosa. Probabilmente una scelta fatta per andare sul sicuro, sperando che da qui in avanti Mill raggiunga la maturità necessaria per spaziare negli argomenti e nei suoni, e che magari la voce, che a tratti rischia di perforare i timpani, gli si abbassi un po’.

(Daniele “Spu” Signorelli)

TRACKLIST

01) Intro (prodotta da A One)
02) Get Dis Money (prodotta da All Star)
03) House Party feat Young Chris (prodotta da Tone Beats)
04) Ima Boss feat Rick Ross (prodotta da Jahlil Beats)
05) Dreamchasers ft. Beanie Sigel (prodotta da All Star)
06) Tony Montana (Freestyle)
07) Body Count feat Rick Ross
08) Tony Story (prodotta da Jahlil Beats)
09) Middle of Da Summer feat Mel Love (prodotta da by Tone Beats)
10) Work feat Rick Ross (prodotta da Lex Luger)
11) Realest U Ever Seen feat NH (prodotta da by All Star)
12) Im Me (prodotta da Tone Beats)
13) Derrick Rose feat Mel Love (prodotta da by All Star)
14) Dont Panic feat Rick Ross & Yo Gotti
15) Sparkles feat Young Pooh
16) Love Done Live Here (prodotta da by All Star)
17) Yall Dont Hear Me (Freestyle)
18) Im On One (Freestyle)
19) Wont Stop (prodotta da All Star)

About RapBurger #1