shopclues offers today 2017

amazon coupons code india

clear trip coupon code promo

flipkart coupon code

globalnin.com

The Roots – Undun

 

[the_meta]

Benvenuti al cospetto della miglior band degli ultimi anni, veri e propri stakanovisti della musica… No, non stiamo parlando della E Street Band, degli Heartbreakers, neanche degli Arcade Fire, neanche degli Interpol. Stiamo parlando dei Roots. Perché se volete sentire il miglior combo di musicisti – quelli più imprevedibili, più versatili – dovete sentire ?uestlove e soci. Non sono dei pivellini, anzi. Ma negli ultimi 2 anni ne hanno fatta di ogni. Un disco come attori principali (How I got over), uno come co-protagonisti (quel piccolo gioiello che è Wake up, rielaborazioni di brani anni ’70 inciso assieme a John Legend); uno da backing band (The road to Memphis, a supporto di Booker T.). E, nel frattempo, hanno suonato praticamente tutte le sere come “house band” nello show più ammirato della TV americana, quello di Jimmy Fallon, esibendosi veramente con chiunque passasse di lì come ospite.
E poi, come se nulla fosse, te ne escono con un concept–album come questo Undun che, se possibile, sposta l’asticella ancora più in alto. Il concept è questo: raccontare la vita di Redford Stephens, personaggio immaginario dalla vita violenta nei quartieri neri americani, e attraverso la sua storia raccontare uno spaccato di vita americana. E poi ci sono altre sfide: offrire un disco più coeso dei precedenti.
Ma, concept a parte, Undun è semplicemente una grande raccolta di canzoni. Che ha tutto quello che ha reso grandi i Roots: ovvero le radici Hiphop (ben evidenti nel grande numero di featuring, e nella scelta dei groove), la loro rivisitazione tra r ‘n’ b classico, rock, e chi più ne ha più ne metta. Esempi perfetti ne sono brani come “Lighthouse” o “I remember”, con ritmi e strumentazioni vari che si intersecano.
Perché arriveranno pure dall’hip-hop, dai suoni campionati e sintetici. Ma suonano, oh se suonano. i Roots. Hanno un piglio e un tiro che molte rock band si sognano da lontano. E le tracce di questo CD (a parte i “movimenti” strumentali finali, utili al concept album, inutili musicalmente), lo dimostrano in pieno.
Undun forse non è il disco più diretto della band, magari non è neanche il disco migliore, ma è un altro piccolo gioiello di questa enorme band.

(Gianni Sibilla – Courtesy of Rockol)

TRACKLIST

01) The Un
02) Sleep
03) Make my feat Big K.R.I.T.
04) One time  feat Phonte & Dice Raw
05) Kool on feat P.O.R.N.
06) The jump
07) Stomp feat P.O.R.N.
08) Lighthouse
09) I Remember
10) Tip the scale feat Dice Raw
11) Redford (for Yia Yia & Pappou)
12) Possibility (2nd Movement)
13) Will To Power (3rd Movement)
14) Finality (4th Movement)

 

About Stefano Zanoni

Creative Director, hip hop lover e un altro paio di errori meno rilevanti.

Sparati anche questo!

Commodo Gladiatore Imperatore

Quello che ci è piaciuto e quello che non ci è piaciuto del 2019

Il 2019 volge al termine ed è tempo di bilanci. Abbiamo deciso di fare una …

Lascia un commento

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>