Home / FEATURED / Intervista Clementino

Intervista Clementino

Clementino è un rapper napoletano membro dei Videomind e noto per le sue abilità metriche e di freestyler. Da pochissimo è uscito con il disco solista I.E.N.A., del quale noi abbiamo pubblicato in anteprima lo snippet mixato da Dj Craim. Inoltre poche settimane fa abbiamo fatto uscire, sempre in esclusiva, il freedownload dell’album del suo gruppo Afterparty Remix.
Bhe, direi che ora siete pronti a sentire cosa ci ha raccontato.

1) Sei partito con le gare di freestyle, poi il primo disco, poi hai continuato vincendo tutte le competizioni più importanti fino al  progetto Videomind. Ora è il momento di I.E.N.A. Questi anni sono stati intensi e ricchi di esperienze diverse. Raccontaci dell’ultimo disco e del percorso che ti ha portato a lavorarci.

Clementino: Il disco si chiama I.E.N.A., che appunto vuol dire Io E Nessun Altro, non in senso egocentrico ma nel senso che questo è un album che racchiude i miei ultimi due anni di musica, quindi gli anni della iena, le mie avventure, i miei pensieri, nel bene e nel male, e sono soddisfatto perché questo è il disco che mi rispecchia per eccellenza. Poi ho collaborato con un po’ di mostri come Ill Bill, Rugged Man, Paura, Mama Marjas, Dope One e tanti altri amici, tutto supervisionato da Night Skinny e Relief Records.

2) Come sono nate le collaborazioni con due king dell’underground come Ill Bill e R.A. The Rugged Man? Raccontaci la storia di questi due super pezzi.

Clementino: Bill e Rugged sono tra i miei rapper preferiti, li seguo da anni (dal vecchio rap 1996), quando sono venuti a suonare in Italia, il primo a Trento e il secondo a Salerno, ci siamo conosciuti e la cosa che mi ha colpito è che loro non rilasciavano facilmente featuring senza prima ascoltare i “rap” degli artisti con cui dovevano collaborare. Pertanto è stata una grande soddisfazione riuscirci.

3) I tuoi brani da solista hanno un approccio decisamente diverso da quelli coi Videomind. Si passa dall’underground più profondo per giungere al mondo electro-hipster. Elencaci aspetti positivi e negativi di entrambi i mondi.

Clementino: Guarda, secondo me non esiste questa grande differenza tra generi Hiphop: un pezzo o spacca o non spacca! Certo che con una canzone più “underground” si può parlare di determinate cose, attirando un tipo di pubblico, mentre rappare su qualcosa di più “elettronico” può anche far ballare le persone che vengono ad ascoltarti. Versatilità è la parola chiave…

4) Fra poco uscirà il tuo disco al fianco di Fabri Fibra chiamato Rapstar. Del progetto non si sa ancora quasi nulla. Raccontaci qualcosa di più, dacci qualche anticipazione a riguardo.

Clementino: Mi dispiace: rap-secret!!!  Posso solo anticipare che le bombe sono pronte e che nessuno può immaginare cosa abbiamo creato!  Non lo vorrei dire per scaramanzia ma credo che sia il disco dell’anno del 2012. Il nome del gruppo deriva dal fatto che Fabri è l’indiscusso numero 1 del rap mainstream, ha vinto 3 dischi di platino, ha fatto il botto e ha fatto entrare nelle case degli italiani la parola rap. Siccome io ho vinto tutte le gare di freestyle possibili e mi sono fatto rispettare dalla scena italiana per il mio approccio sul palco per lui sono il numero 1 dell’underground. Quindi secondo lui siamo le Rapstar della scena italiana e ci siamo chiamati così.

5) Per quanto sia l’acronimo di “Io E Nessun Altro” il nome che hai scelto per il tuo secondo disco ufficiale è lo stesso di uno dei tuoi alias: Iena. La iena è però per antonomasia un animale che rappresenta valori negativi. Cosa ti fa sentire legato a quest’animale che ti sei pure tatuato sul braccio?

Clementino: Ahahaha, guarda, a parte che ne ho diverse di iene tatuate sul corpo ma in passato quando tutti cercavamo la tag per devastare le strade con la nostra firma, io mi soffermai su queste quattro lettere I.E.N.A. che mi piacevano così come erano composte. Poi nelle gare di freestyle la iena è quella che non lascia nemmeno la carcassa dell’avversario, mentre white – “Iena white” – è perché sono più bianco di un neon .

6) Gli chef di RapBuger sono ansiosi di sapere qual è la ricetta per essere un killer del freestyle.

Clementino: A Insalata verde e concentrazione.
B Spaghetti alle vongole ed essere umili.
C Chianina fiorentina e parlare e colpire “solo” al momento giusto.
Un salutone  RapBurger!

 

About RapBurger #1