Home / FEATURED / MDJ+ – My Golden Age As Yet To Come #7

MDJ+ – My Golden Age As Yet To Come #7

 

I rapper raccontano. Non esiste strumento migliore per fotografare le strade, per fissare questi tempi assurdi. Il rap traduce la vita, la cristallizza, e la serve senza altri filtri se non la musica. I rapper raccontano e si raccontano. Si erigono ad esempi, più o meno apprezzabili, delle contraddizioni contemporanee. Vittime o istigatori, nessuno è in grado affermarlo con certezza, ma tutti sanno che i rapper scrivono di ciò che hanno attorno, e che lo fanno senza filtri.
Da questo legame con la scrittura nasce Novel Cousine, la nuova rubrica di RapBurger, un gioco di parole tra la Nouvelle Cousine e Novel (dall’inglese “romanzo”), che vi servirà sempre un nuovo racconto scritto dalle più narrative Hiphop heads italiane.
Spegnete la musica e accendete le parole.

—————————————————————————————————————————————————–

Titolo: My Golden Age As Yet To Come
Ep. 7: Il treno che porta al sole

di MDJ+

Un pezzo rap è un’emozione senza parole che lo possano descrivere. 
C’è un vento freddo alla stazione di Lambrate in questa mattina d’inverno senza sconti. I pesi massimi si misurano oggi. Samu ha i fogli con le strofe nella tasca del parka, la sciarpa sotto gli occhi, le incertezze che avvolgono la testa pochi istanti prima di entrare in studio. Quando ti chiedi se la tua voce seguirà le emozioni che provi, il fuoco nel sangue, lo slancio puro per rincorrere la salvezza. Una canzone e una sola nelle orecchie per motivarsi. Sempre la stessa. Sempre quella. Da quella notte di gennaio. Da quando ha deciso di ripartire da zero. Jack lo attende con le macchine accese, con i led e le spie, con il micro e le luci brillanti. Un pezzo per rinascere, una traccia per lasciare una scia luminosa dietro al suo nome.
Nel rumore di binari e nelle luci di taglio di quest’ora del mattino.
Quattro minuti di parole come l’impeto di Sun Tzu. Un rumore di battaglia che si trasforma in suono, un canto di guerra che diventa musica. 
Gli occhi lucidi dal freddo. Il treno si ferma al binario, destinazione Pioltello. 
Gli sguardi di Samu sfuocati, una ragazza scende dal treno. Splendida come la luna sui grattacieli, affascinante come una notte di passioni liquide. 
Samu la guarda, Samu la vede e Samu trema. 
Ludmilla. 
Lei si gira e sono uno davanti all’altra, nel vento freddo di ricordi amore passione immagini brividi e respiri.
Lei è tutto il tuo passato. Adesso che hai una luce diversa negli occhi. 
Adesso che hai un taglio di capelli fresco, adesso che sei tornato in forma, che sei energico e vivo, che sei puro e guerriero. 
Ti guarda e ti sembra di morire mentre le sue labbra si muovono e ti senti Ulisse legato all’albero della nave preda del canto delle sirene. 
Ludmilla si morde il labbro e ti sorride. Ludmilla e i suoi occhi grandi, Ludmilla e le sue gambe, Ludmilla e il suo profumo.
Non era amore era passione. Non era cielo era terra. Non era vero era plastica. Non eri tu era la star del rap.
Le accarezzi la guancia con le dita e sali sul treno. Non ti giri neanche. Sali sul treno e vai a registrare il tuo pezzo da Jack. Sali sul treno che ti porta ad est verso il sole, verso le tue battaglie, verso la vita che ti appartiene.


—————————————————————————————————————————————————–

< Episodio successivo    Episodio precedente >

 

 

 

Bio: MDJ+. Milano è la sua New York. Dal ’96 pubblica street novels autoprodotte in fotocopia. Partecipa a centinaia di jam, scrive e canta su palchi di mezza Italia. Scrive per decine di fanzine (tra cui lo storico magazine AL), siti web e manifesti. Nel 2000 pubblica Beograd BBoyz con Castelvecchi. Nel 2004 pubblica per Arcipelago Edizioni Spregiudicati, anthem novel urbana. Nel 2005 sempre per Arcipelago Edizioni pubblica Ex, novel neorealista sui lavori di strada a Milano. Per RapBurger scrive The Golden Age Has Yet To Come, in tempo reale.
“Sappiamo soffrire e soffrendo vinciamo” è l’headline della sua vita.

 

About RapBurger #1

Lascia un commento

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>