Home / FEATURED / “Morsi Contati” Ghemon – Qualcosa È Cambiato

“Morsi Contati” Ghemon – Qualcosa È Cambiato

 

“Morsi Contati” è un modo per gustarsi un album con i commenti dell’autore stesso.
La rubrica offre la possibilità di seguire i dischi dei migliori artisti della scena assaporandoli traccia per traccia, boccone per boccone.
Il cuoco di questa puntata è Ghemon, rapper appartenente alle due realtà più importanti per quanto riguarda il suono più classico del rap italiano, Unlimited Struggle e Blue-Nox. Gustiamoci morso per morso il raffinato burger dell’artista campano intitolato Qualcosa È Cambiato.

1) PTS pt.2

Ghemon)Conosco Ceasar tramite suo fratello Matteo (invasato di rap…) da tantissimo tempo, prima ancora che lavorasse con Amir o con qualsiasi altro mc italiano. Volevo collaborare con lui e PStarr da tempo e alla fine ci siamo riusciti. Il pezzo riprende “PTS” , contenuto in EMbrionALE, il primo disco di Gilmar. Un mio caro amico…

2) Uomo D’Acqua Dolce

Ghemon)Ero ad Avellino per una visita in famiglia ma avevo tanta voglia di andare in studio. Odio la pigrizia! Quindi sono andato a Salerno a trovare il mio amico di una vita, Fabio Musta, che aveva appena inaugurato il suo nuovo studio, il Different Lab. L’atmosfera era ottimale, lui ha suonato dei beat.Due ore dopo il pezzo era pronto. Poi Tsura ha cucito gli scratch con la sua solita precisione millimetrica

3) Mai Voltarsi/Idee Chiare

Ghemon)Questo pezzo è merito di Fid Mella. Mi ha girato questo beat a 100 bpm e io volevo solamente scrivere. E’ una specie di punto della situazione, non ha un argomento preciso, è un “brainstorming”. A pezzo finito, Mella ha aggiunto la coda di “Idee Chiare”, e allora ho voluto aggiungere anch’io qualcosa col rap.

4) Paraphernalia

Ghemon)E’ un pezzo che io e Shocca abbiamo fatto quando vivevamo insieme. Volevo fare qualcosa di crudo, con due suoni in croce, ma potenti come solo Roc può in Italia. Non sono il rapper dell’amore o dei sentimenti e non mi piace fossilizzarmi, anzi, amo saltare da un pezzo a un altro con atmosfere diverse. Lo scratch è da “L’ultima parola” un pezzo del primo album di Speaker Cenzou che ho sempre amato e a cui volevo fare un piccolo omaggio.

5) Qualcosa Per Te

Ghemon)Ricordo che l’idea mi è venuta sulla banchina, mentre aspettavo la metro. Scaricato il beat dalla mail, ero a Loreto e appena l’ho sentito mi è venuto fuori il concetto. Tornato a casa ho finito il pezzo in pochissime ore e l’ho mandato a Kater, che è stata bravissima a “personalizzare” le sue parti. Alla fine meglio così: non siamo scaduti nell’ovvietà e abbiamo permesso anche a lei di confrontarsi con un mondo “diverso” da quello a cui è abituata.

6) La Verità (Non Abita Più Qua)

Ghemon)Stesso procedimento creativo di “Uomo D’Acqua Dolce”. Con l’aggravante che in studio si aggirava anche il nostro “socio” dell’epoca “Sangamaro/Dcp” (98/99 circa…) ovvero Dj Pio Bazzano. Si vede che stare ad Avellino un paio di giorni mi aveva messo dell’umore di fare una critica ai criticoni… perché il pezzo di base parla di quello. E che palle, ci avete rotto proprio!

7) Dico Bene

Ghemon)Hardcore Posse Cut. Niente di più e niente di meno. Volevo tirare dentro dei superliricisti e l’ho fatto. Volevo fare un pezzo senza dire nulla, ma dirlo meglio possibile. Da là il ritornello di Clementino, fighissimo perchè totalmente spostato sul tempo, squantizzato al limite da sembrare sbagliato (e invece giusto!). Quel giorno Cleme era passato in studio da Nightskinny. In pausa pranzo abbiamo incontrato per caso Lapo Elkann. Storie pazzoidi.

8) Nessuno E’ Perfetto

Ghemon)Beat mega “A Tribe Called Quest”. Volevo anche qui usare un flow diverso dal solito, fare un pezzo “sarcastico”, fare un ritratto di un momento. L’idea mi venne il giorno in cui con un amico, incontrai per caso Marcelo Burlòn. Dopo che il mio amico mi raccontò chi fosse, mi è venne spontaneo inserire questo “mondo” un pò lontano dal mio in un pezzo. Fare una fotografia, ecco.

9) Un giorno in più dell’eternità

Ghemon)Il titolo nasce da un pezzo di D’Angelo (Send It On) che dice: “Even If it takes eternity and a day for me to do, i gotta send it on to you”. Era una vita che volevo usare il concetto di “eternità e un giorno oltre”, dà il senso di superamento dell’infinito. Ho messo mia madre, mia zia, mia nonna, mia sorella e due mie amiche. Il pezzo è un tributo alle donne e non un pezzo d’amore. Non ho mai fatto pezzi d’amore, solo pezzi sull’amore.

10) Piano Di Lavoro

Ghemon)Il pezzo è nato a Vienna con Mella, da una sessione da cui poi sono usciti altri 3 pezzi che andranno in 440/Scritto Nelle Stelle. Andrea Nardinocchi è un talento e su alcune cose ci siamo capiti senza manco doverci stringere la mano. Il pezzo è il classico pezzo di Ghemon e Mella: agrodolce, una via di mezzo tra sarcasmo e un filo di malinconia. Noi lo chiamiamo “un pezzo mid feeling”.

11) Quando Tutto Cade

Ghemon)Riflessione sulla vita. Pagina molto intima di diario. Il ritornello è riferito alla mia città natale, Avellino. E’ una pagina di diario, non c’è proprio molto da spiegare a riguardo, è uno di quei pezzi che ho scritto per me e i motivi sono troppo intimi perciò, fine.

12)Confessioni Di Una Mente Meticolosa

Ghemon)Pescato il beat di Mailoop tra le migliaia di cartelle di beat che mi arrivano da Vienna.Volevo scrivere. Volevo scrivere e basta. Iniziare un discorso che non sapevo dove sarebbe finito. Scritto, acceso il mic, registrato, buona la prima, arrivederci.

13) Parte Di Me

Ghemon)Pezzo scritto per metà alle 4 di mattina prima di andare in studio (a 2 giorni dalla chiusura del disco) e per metà in tram mentre andavo in studio. Questo gli fa perdere valore? Penso di no. Penso che l’ispirazione vada colta ovunque arrivi. Mecna mi fa ben sperare se fa rap così… penso che stia crescendo moltissimo e che sia una bellissima realtà del rap italiano.

14) Fantasmi pt.2

Ghemon)Se questo pezzo esiste è un po’ merito di Zonta. Di tanto in tanto mi manda batch pieni di beats interessanti e anche quando gli dico “non sto scrivendo in questo periodo”, lui manda ugualmente, perchè sa che nei momenti più inaspettati gli mando una mail col pezzo finito. Così è stato. Il pezzo parla di cose intime. Ha mille riferimenti molto personali e il fatto che ci siano così tanti paralleli, metafore, grecismi, sta nel fatto che il pezzo l’ho scritto per me e STOP. Quando scrivo così non penso a “lo pubblicherò”, “andrà in un disco”. Beat a 78 bpm. Sfido chiunque a rappare su una cosa così lenta.”Scrivo perchè non ho alternative…” cit.

About RapBurger #1

Lascia un commento

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>