Home / RECENSIONI / Wiz Khalifa – Taylor Allderdice

Wiz Khalifa – Taylor Allderdice

 

[the_meta]

È stato il fenomeno del 2010 con “Black & Yellow”, smashing hit che ha generato una miriade di remix (anche in Italia). Nel 2011 ha venduto quasi 800mila copie solo negli Stati Uniti del suo Rolling Papers, ha firmato con Snoop Dogg la colonna sonora di Mac & Devin Go to High School e sta preparando il nuovo album O.N.I.F.C (Only Nigga In First Class). Wiz Khalifa è l’esponente di punta della new wave di rapper americani che mettono assieme pop e rap dimostrando di sapere esattamente come costruire pezzi di successo. Commerciale? Sì, sicuramente. Ma pensare a Khalifa come al tipico one hit wonder guy che azzecca un singolo e sparisce nel nulla sarebbe sbagliato, Wiz Khalifa non è Soulja Boy. Poi magari mi sbaglio e gli va tutto storto, ma per come si è mosso fino a questo momento sembra essere qui per restare. Lo dimostra anche il suo nuovo tape ufficiale: “Taylor Allderdice”.
17 pezzi tutti originali, in cui il rapper di Pittsburgh approfitta della pausa tra un disco mainstream e l’altro per tornare al suono che gli ha spianato la strada verso il successo. Ma il ritorno alle origini non significa hardcore rap, ma qualcosa tipo “stoned rap”, visto che il tema che unisce tutto il tape è uno solo, la marijuana (<<All i need is mary, mary, mary, i ain’t fucking with no other drugs>>, canta allegramente in “Mary 3x”). Atmosfera cazzona, ritornelli cantati a raffica, qualche sonorità un po’ old school, i produttori che lo hanno accompagnato all’inizio della carriera (Sledgren, Cardo, Big Jerm) che tornano ad avere uno spazio importante e il piatto è servito. Anche a livello di featuring lo spot principale se lo prende il suo amicone Chevy Woods, anche se in tre pezzi c’è pure Juicy J dei 3 Six Mafia. Unico feat d’eccezione è l’onnipresente Rick Ross in “Never Been Part II”, dove canta anche l’attuale fidanzata di Wiz Khalifa, Amber Rose. Di professione modella, attrice e fidanzata di rapper.
Difficile trovare pezzi più o meno riusciti, il tutto suona davvero omogeneo, come stile, produzioni e mood. Ed è, a mio parere personale, anche più gradevole del fin troppo easy ultimo album di Khalifa. Questo è un tape perfetto da spingervi mentre siete iper-rilassati, senza farsi menate sul valore del rapper in questione, sui pezzi troppo soft, ecc. ecc. Se avete voglia di staccare un po’ dalle robe mega unda e riposarvi le orecchie questo è un buon lavoro che non merita di essere scartato per pregiudizio. Anche perché se ve lo ascoltate un po’ di volte scoprirete che sotto c’è più qualità di quello che sembra a un primo ascolto. Se invece vi piace il rap easy listening, questo è un tape da consumare.

(Daniele “Spu” Signorelli)

TRACKLIST

01) Amber Ice (prodotta da I.D. Labs)
02) California (prodotta da Cardo)
03) Mia Wallace (prodotta da Dumont)
04) Guilty Conscience (prodotta da Sparky Banks)
05) Mary 3x (prodotta da Cardo)
06) O.N.I.F.C. (prodotta da Cardo & Sledgren)
07) Nameless feat Chevy Woods (prodotta da Dope Couture)
08) Never Been Part II feat Amber Rose & Rick Ross (prodotta da Sledgren)
09) The Cruise (prodotta da Big Jerm)
10) Rowland feat Smoke DZA (prodotta da Big Jerm)
11) My Favorite Song feat Juicy J (prodotta da Rob Holladay)
12) T.A.P. feat Juicy J (prodotta da Spaceghostpurrp)
13) The Code feat Juicy J, Lola Monroe & Chevy Woods (prodotta da Lex Luger)
14) The Grinder (prodotta da Jake One)
15) Brainstorm (prodotta da Cardo)
16) Number 16 (prodotta da Dumont)
17) Blindfolds feat Juicy J (prodotta da Harry Fraud)

About RapBurger #1

Lascia un commento

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>