Home / RECENSIONI / Georgia Ann Muldrow & Madlib – Seeds

Georgia Ann Muldrow & Madlib – Seeds

 

[the_meta]

The revolution will not be televised… forse sto esagerando, forse no. Ma la sensazione che mi da questo disco è simile soltanto a quella che mi riesce a dare quel disco di Gill Scott Heron.
Chiariamoci, non sto mettendo Seeds allo stesso livello di una delle pietre miliari della Black Music, ma scoprire dischi come questi mi fa l’effetto contrario di quando da bambino scopri che babbo natale non esiste.
Georgia Ann Muldrow appartiene a quella schiera di artisti Stones Throw che si distinguono per estrema originalità, come Dudley Perkins o C-Rayz Walz, quindi prima di ascoltare questo disco non sapevo cosa aspettarmi. Aggiungici l’estremo estro creativo di Madlib, che a volte strabilia e altre volte risulta indecifrabile, e l’incognita aumenta. Poi ho messo in play e dal primo pezzo sono stato rapito da due tipi diversi di genialità che si compensano in maniera perfetta.
La voce strana e sofisticata di Georgia trova veramente il proprio tappeto ideale nel suono di Madlib, nonostante i due avessero già lavorato insieme in passato, affidare l’intera produzione dell’album allo stesso producer, quando si chiama Otis Jackson JR è la mossa vincente. Il suono caldo e vinilico di questo geniaccio si impasta in modo uniforme e ideale alla voce ruvida, imprecisa e versatile di Georgia Ann Muldrow che, sperimentando in maniera molto equilibrata le proprie potenzialità estreme , ci regala un disco di Black Music d’autore completo in tutte le sue parti.
Alternandosi tra pezzi molto suggestivi (la profetica “Seeds”, il cui video ha fatto d’apripista alle sofisticate atmosfere dell’album) e altri un po’ più disimpegnati (disimpegnati ma non frivoli, e di questo ne è un chiaro esempio “Calabash”), Seeds è un disco che va ascoltato con attenzione ma che invoglia ad una successivo ascolto, fino a rimanere in play per lungo tempo. Non si poteva rimanere delusi da un genial combo come questa.

(47 Seasons)

TRACKLIST

01) Seeds (prodotta da Madlib)
02) Wind (prodotta da Madlib)
03) Calabash (prodotta da Madlib)
04) Kali Yuga (prodotta da Madlib)
05) The Birth of Petey Wheatstraw (prodotta da Madlib)
06) Best Love (prodotta da Madlib)
07) Husfriend Intro (prodotta da Madlib)
08) Husfriend (prodotta da Madlib)
09) Kneecap Jelly (prodotta da Madlib)
10) The Few (prodotta da Madlib)
11) Remember – outro (prodotta da Madlib)

About RapBurger #1