Home / INTERVISTE & RUBRICHE / INTERVISTE / BURGER CAFÈ / Turi al Burger Cafè

Turi al Burger Cafè

 

Bentornati al Burger Cafè, il nostro “bar sport” dove chiacchierare senza pretese di Calcio, Basket o qualsiasi disciplina sportiva. Il nostro ospite è Turi, rapper calabrese residente a Viterbo, fresco vincitore dello scudetto. Davanti al bancone ordina al barista con la sua solita ironia: “Vista l’afa improvvisa opterei per qualcosa di analcolico, fresco e fruttato: un negroni.”
E partiamo con la chiacchierata.

Se non sbaglio sei juventino. Per i tifosi bianconeri non sono stati anni facili, come hai vissuto le stagioni dal 2006 in poi?

Turi) Ebbene sì, sono un gobbaccio dalla nascita. Tengo a precisare però, che non sono un super tifoso. La mia febbre per il pallone dura giusto un paio d’ore la domenica. Il lunedì ho già rimosso tutto. Comunque tornando alla tua domanda: le stagioni in purgatorio le ho vissute malissimo. Ricordo che provai a guardare un po’ di partite l’anno della serie b ed è stato imbarazzante. Vedere un campione come Del Piero giocare con una squadra di pippe e perlopiù in contesti provinciali mi faceva piangere il cuore. E’ un po’ come andare alla sagra del cinghiale di Frosinone e beccare Jay-Z che fa il suo live con un impianto da karaoke. Deprimente.
Per non parlare poi degli anni successivi. Una squadra senza identità, acquisti mediocri ed allenatori “catenacciari”. Ricordo che a un certo punto preso dallo sconforto dissi stop. Trascorrevo le domeniche pomeriggio al parco, su una panchina, abbracciato al mio cane, e con la mia donna al guinzaglio desiderosa di pisciarmi il polpaccio.

La Juventus si é portata a casa il campionato. Lo senti come lo scudetto della terza stella oppure sei uno di quei tifosi che hanno vissuto lo scandalo calciopoli con fastidio e vorrebbero cancellare gli anni di Moggi?

Turi) Rispondere a questa domanda è complicato perché si rischia di cadere nel banale. E io odio il banale. E poi, in tutta sincerità ti confesso che calciopoli non l’ho proprio seguita. A me piace il calcio giocato. Punto.

Del Piero sembra ormai prossimo all’addio, da tifoso come vivi questa separazione tra il capitano e la società?

Turi) Sono grato a Del Piero per tutto quello che ha fatto ma il tempo passa per tutti, di conseguenza è giusto che vada via.
Capisco l’amore che i tifosi provano per lui ma è ora di lasciar spazio a nuovi talenti. Attaccarsi troppo alle bandiere è molto pericoloso. Ricordi che fine ha fatto la nazionale appresso al “grande” Lippi? E poi sono sicuro che Del Piero non sentirà la nostra mancanza. Sicuramente si godrà i soldi che ha guadagnato negli anni, oppure andrà a spolpare qualche sceicco come fece Cannavaro, o nel peggiore delle ipotesi rimarrà in Italia a spedire demo a Paola Zukar nella speranza che lo produca.

Nel campionato di quest’anno il vero fattore differenziante rispetto ai precedenti è stato quello di avere un campione come Pirlo in regia oppure la grinta del mister Antonio Conte?

Turi) Nessun effetto speciale. La verità è che sbagliando s’impara, e la Juve aveva toppato già parecchie stagioni. Solo l’inter ha il dono di toppare all’infinito.

Passiamo ai nostri Calci di Rigore. Cinque domande a cui dare una risposta secca.

1) Meglio Baggio o Del Piero?

Turi) Del Piero.

2) Chi tifavi alla finale di Champions di quest’anno, Bayern Monaco o Chelsea?

Turi) Chelsea. Il Bayern mi sta sul cazzo. Ha un nome che mi evoca ospedali e farmacie.

3) Quale rivale odi di più? Milan, Inter, Fiorentina o Roma?

Turi) Ti rispondo Milan anche se i miei amici sanno che non è così.

4) Boriello: riscatto sì o riscatto no?

Turi) No. Borriello in Siberia.

5) Buffon non è più quello di una volta o è ancora il numero 1?

Turi) E’ ancora il numero 1. Nonostante i problemi di prostata.

About RapBurger #1

Lascia un commento

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>