Home / RECENSIONI / Zampa, Capstan & Non Dire Chaz – I Giorni Del Condor

Zampa, Capstan & Non Dire Chaz – I Giorni Del Condor

 

[the_meta]

Spesso e volentieri l’immaginario dell’utente medio colloca i rapper che sono in giro da un po’ nella posizione di chi campa con la musica, mentre sono molto di più gli artisti che hanno una vita e un lavoro normale e devolvono le proprie energie a una passione vera e concreta rispetto a quelli che, con la musica, riescono a pagarci anche l’affitto.
Zampa è sempre stato uno di questi, con un amore sconfinato per l’Hiphop e i tempi di uscita di chi nella vita ha anche altro a cui pensare.
Era da un po’ che il suo nome non si sentiva, e ora è tornato alla grande, accompagnato da Capstan e Non Dire Chaz dimostrando che quando uno ha qualcosa da dire non importa sottostare alle regole di un mercato che fa anche fatica a esistere.
Infatti dopo anni di silenzio decide di rilasciare un album con ben 18 tracce, in totale controtendenza con le uscite “Bignami” dell’ultimo periodo.
Il disco forse risulta un po’ lungo ma evidentemente il trio del Condor aveva parecchie robe da dire.
Come sempre, Zampini dimostra di essere quel genere di MC che spesso manca in Italia, forte di uno stile personale e cool, ma soprattutto capace di esternare le proprie emozioni senza paura, traducendo le proprie esperienze in un linguaggio dove chiunque può ritrovarsi.
Accompagnato da Capstan che si dimostra un fedele compare, con alti e bassi, e da Non Dire Chaz che si impone con questo stile produttivo moderno ma con totale devozione alla tradizione del Boom Bap. I beat di Chaz hanno le prerogativa di fondere alla perfezione tecniche produttive moderne e utilizzo di samples soul come nella tradizione del puro Hiphop.
Le collaborazioni non sono molte ma, sicuramente, l’apporto di E-Green, MDT, Jack the Smoker, Kuno e Bassi Maestro arricchisce il progetto nei punti giusti. Il resto della magia la fanno pezzi come “Nothing Like Home” dove si parla della necessità di andarsene da un paese che offre sempre meno ma che rappresenta pur sempre casa, “On The Road” che parla della tipica situazione da viaggio legata ai live, la sentitissima “Niente Ci Separarerà” che nel ritornello fa il verso a “The Light” di Common/ “Open Your Eyes” di Bobby Caldwell e la title track complottistica “I Giorni Del Condor” che rende bene l’atmosfera da film da cui proviene il titolo.
Il suono di Verona è tornato, rimodernato e rinfrescato, per dimostrare che l’Hiphop nel nord Italia esiste e ha molto da dire anche lontano da Milano.

(47 Seasons)

TRACKLIST

01) NDC Ouverture (prodotta da Non Dire Chaz)
02) Mutulake (prodotta da Non Dire Chaz)
03) Testa Dura feat DJ Steve (prodotta da Non Dire Chaz)
04) I Giorni Del Condor feat Bassi Maestro, DJ Steve (prodotta da Non Dire Chaz)
05) Dove Vado Ora (prodotta da Non Dire Chaz)
06) City Of Gotto feat Muttofunk (prodotta da Non Dire Chaz)
07) Modi Per Non Affogare feat Luciana Vaona (prodotta da Non Dire Chaz)
08) Love My Life feat Luciana Vaona (prodotta da Non Dire Chaz)
09) Hell Yeah feat Asher Kuno (prodotta da Non Dire Chaz)
10) On The Road (prodotta da Non Dire Chaz)
11) La Musica, Stop (prodotta da Non Dire Chaz)
12) Nothing Like Home feat Luciana Vaona (prodotta da Non Dire Chaz)
13) Niente Ci Separerà feat Efeizee (prodotta da Non Dire Chaz)
14) Stessa Merda (Un Giorno Differente) feat Jack the Smoker, DJ Steve (prodotta da Non Dire Chaz)
15) Punk Island feat MDT, Evergreen (prodotta da Non Dire Chaz)
16) Expand Your Mind feat DJ Steve (prodotta da Non Dire Chaz)
17) Il Branco pt4 feat Astio, Jap, Flesha, SonBudo, DJ Steve, Jim, Re-Tko, Taba (prodotta da Non Dire Chaz)
18) Aspettando Il Temporale (prodotta da Non Dire Chaz)
19) Manifesto (prodotta da Non Dire Chaz)

About RapBurger #1