shopclues offers today 2017

amazon coupons code india

clear trip coupon code promo

flipkart coupon code

globalnin.com

[Recensione] Fritz Da Cat – Fritz

Autore: Fritz Da Cat
Titolo: Fritz
Etichetta: Universal Music
Anno: 2013

Il nostro giudizio era rimasto aperto alla fine del primo tempo: fino a lì zero colpi di sonno, tutt’altro. Ci siamo accomodati e gustati la prima metà del film (Leaks), desiderosi poi di conoscerne gli sviluppi.
Mi ero fermato a commentare Leaks appunto – le prime dieci tracce estratte da Fritz, il lavoro che segna il ritorno definitivo di Fritz Da Cat sulla scena, discograficamente parlando.
Avere la possibilità di completare una recensione, mi concede un lusso che raramente capita a chi si trova di fronte a scadenze di questo genere: poter fare due passi indietro e rivedere delle idee che ci si è fatti su un lavoro, proprio alla luce di un ascolto totale di un album che fino ad ora non c’era stato.
Parto dunque dicendo che “Gioventù Bruciata”, brano di Clementino che apre le danze (e che avevo liquidato in precedenza con un secco “noioso”), non è niente male affatto: rappresenta perfettamente un punto d’incontro tra il vecchio e il nuovo, un ponte generazionale tra lo stile originario del hip hop e quello attuale. Insomma, un’ìntro che rispecchia con fedeltà un disco che fa sua, proprio, questa identità.
Sulle restanti iniziali nove tracce rimango della stessa idea, un’idea che più positiva, che è lo anzi ancora di più visto che sono passati quasi due mesi dalla loro uscita e ascoltarle è ancora un piacere. Non voglio fare retorica a tutti i costi, ma qui serve: l’80% dei dischi buttati fuori oggi, li mandi in play a ripetizione per 2/3 settimane e poi subiscono il crudele (e spesso giusto) destino di finire nel limbo del dimenticatoio.
Insomma, giudizio finale? Fritz ha progettato un disco bomba.
Per i seguenti motivi:
a) ha oggettivamente optato per un sound non riconducibile a qualcosa di definito, né alle tendenze americane attuali, né a quelle che vanno per la maggiore in Italia, che non sono altro che copie malriuscite di quelle americane. E’ partito con un’idea ben chiara, scostandosi anche dal sound di Novecinquanta, scelta che poteva risultare paracula ma allo stesso tempo rischiosa. Ha chiamato musicisti provenienti da altri contesti musicali, vedi i vari Calibro35, Afterhours e Parix. Ha fuso il tutto e ha dato vita a qualcosa di identificabile in Fritz e basta;
b) ha portato su un disco prodotto da una major una folta e significativa rappresentanza del hip hop underground: EGreen (micidiale nella perla “Barzellette”, stavolta anche nei contenuti), la realtà di strada palermitana rappresentata da Big Joe e Johnny Marsiglia, Turi nel seguito di “Schiaffetto Correttivo”, e i già presenti in Leaks Bassi Maestro, Jack The Smoker, Ghemon e Mecna, Primo e Tormento;
c) ha puntato dritto sui giovani, risaltandone le migliori skills. Vedi LowLow (classe ’93), da sempre dotato di un’ottima tecnica ma che spesso si è lasciato travolgere da esperimenti più frivoli. Ecco, qui in “Notti Bianche” convince e ci fa pensare che da lui ci si possa aspettare molto in futuro. Rocco Hunt consacrato addirittura in due brani. Nitro con la sua impronta Machete in combo con MadMan e Guè nel singolo “Never”. Parix, artista poliedrico adottato dall’hip hop, di cui sentiremo sicuramente parlare. Infine, Big Joe, produttore dal talento cristallino su cui Fritz ripone non poche aspettative. Che sia lui il suo erede?
Restiamo con questo interrogativo, mentre consigliamo a tutti quelli che non ci si fossero ancora avvicinati, l’ascolto di Fritz. Non ne rimarrete delusi, anzi. C’è tanto da imparare.
Leggi qui la tracklist.

About Giorgio Quadrani

Inseguito dal diritto di giorno, rincorro il rap di notte. Amo ascoltare gente che blatera al ritmo di una base musicale, indagare su tutto ciò di inutile intorno a me e fare discorsi col senno di poi.

Sparati anche questo!

colle der fomento adversus

I Colle Der Fomento hanno fatto un grande disco senza tempo

foto di Daniele Peruzzi Suonerà pure come opinione impopolare ma non nascondo di aver provato …

Lascia un commento

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>