shopclues offers today 2017

amazon coupons code india

clear trip coupon code promo

flipkart coupon code

globalnin.com

Mettetela come vi pare, ma anche il rap italiano ha detto la sua nel #IceBucketChallenge

Bonifico #IceBucketChallengeAvrete notato un po’ tutti, specie in questa seconda parte di agosto, sulle home dei nostri cari social network l’invasione dell’hashtag #IceBucketChallenge.
Senza perderci in troppe spiegazioni, visto che un po’ tutti – fortunatamente e senza troppe difficoltà – siamo venuti a sapere cosa si nasconde dietro queste magiche parole, si tratta di un’iniziativa (d’origine statunitense) che si pone come obiettivo quello di rendere nota a più gente possibile l’esistenza della malattia SLA (sclerosi laterale amiotrofica). Come? Attraverso un passaparola mediatico che ha contagiato diversi vip, prima stranieri, poi italiani. Ci si mette di fronte a una telecamera e ci si versa addosso una secchiata d’acqua gelida in nome di questa nobile causa, sensibilizzando così il pubblico alla raccolta fondi per la ricerca a favore di questa malattia neurodegenerativa; in ogni caso, prima di affrontare l’impresa, il protagonista del video nomina tre persone a sua scelta a cui verrà data la possibilità di ripetere lo stesso gesto del proprio predecessore, oppure di evitare la doccia gelata sostituendola con una donazione a sostegno della ricerca.
Arrivata in Italia, l’iniziativa ha coinvolto un po’ tutti, da Renzi al fumettista Zerocalcare, che si è messo in gioco con la sua solita originalità, passando ovviamente per i rapper. Non potevano mancare le critiche (comprese le critiche sulle critiche) sul fatto che alcuni di loro abbiano deciso di prendere parte al fenomeno virale o, al contrario, abbiano deciso di non farlo. Insomma, l’hater medio del rap italiano non si è tirato indietro nemmeno nemmeno in quest’occasione ma – paradossalmente – si è dimostrato meno agguerrito (e ce ne vuole, eh!) rispetto a quelli di altre categorie con cui noi di RapBurger, grazie al cielo, non siamo soliti avere a che fare.
Come mai? Forse per merito dei rapper che – va sottolineato – si sono sentiti coinvolti nel gioco senza lasciarsi andare a manie di protagonismo, alle quali invece non sono riusciti a sottrarsi personaggi della politica, dello spettacolo, e così via.
C’è stato, quindi, chi ha accettato la sfida e poi nominato altri concorrenti, come Clementino, Fedez, Don Joe, Jake La Furia e Marracash.

Poi, è stato il turno di chi ha rifiutato l’invito optando direttamente per l’offerta a favore della ricerca contro la SLA, quindi parliamo di Salmo, Rocco Hunt ed Emis Killa, magari anche con qualche piccola (e giusta) frecciatina verso l’atteggiamento del pubblico e, specialmente, verso la diffusa piega da cazzeggio che ha assunto il passaparola nei giorni.

Rocco Hunt

Infine, chiudiamo saltando tutt’a un tratto dal serio al faceto: chissà se qualche giorno fa a Honololu (Hawaii), Guè Pequeno, in posa sotto una vivissima cascata, non abbia voluto mandare un messaggio indiretto nella sfida dell’Ice Bucket Challenge. Boh, chi se ne importa alla fine, quel che conta in una situazione del genere è anche solo che il nostro inconscio si sia avventurato in un collegamento del genere.

Guè Pequeno

About Giorgio Quadrani

Inseguito dal diritto di giorno, rincorro il rap di notte. Amo ascoltare gente che blatera al ritmo di una base musicale, indagare su tutto ciò di inutile intorno a me e fare discorsi col senno di poi.

Sparati anche questo!

sfera foto

Una nuova data per il tour di Sfera Ebbasta

Dopo il grande successo dell’uscita del suo ultimo album “Rockstar”, già certificato quadruplo platino dalla …

Lascia un commento

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>