shopclues offers today 2017

amazon coupons code india

clear trip coupon code promo

flipkart coupon code

globalnin.com

Er Costa e l’NBA: “Kobe rimarrà sempre una Wanna Be Michael Jordan”

ER COSTA

Al Burger Café c’è spazio non solo per chi pratica sport. Questo mese, nel nostro “locale”, ospitiamo il rapper Er Costa, grande appassionato di NBA, che con noi ha parlato di come sia nato questo amore, di chi abbia fatto sì che sia cresciuto in maniera esponenziale e, soprattutto, della stagione in corso.

RapBurger) Innanzitutto partirei con una piccola presentazione de Er Costa in versione cestista: giochi a basket o hai mai giocato? E da quanto segui questo sport?
Er Costa)
Da ragazzino in seconda elementare si poteva giocare a calcio o a minibasket. Nella squadra di calcio non c’era più posto. Ha scelto il destino per me. È stata una della rare grandi botte di culo della mia vita. Ho iniziato ad amare questo sport come poche altre cose al mondo, e già da bambino ho subito sviluppato un ossessione per il basket d’oltreoceano, che all’epoca era molto più diverso da quello europeo di quanto non lo sia oggi. Erano proprio due sport diametralmente differenti fra loro. Oggi sono molto più simili ma io continuo a seguire l’NBA in maniera maniacale, disinteressandomi completamente del basket FIBA, anche perché non avrei il tempo materiale di seguirli entrambi in maniera approfondita. Ho giocato a basket per tutta l’infanzia e durante l’adolescenza a livello agonistico, ma ad un certo punto ho realizzato di non essere propriamente un campione e nello stesso tempo ho assunto uno stile di vita non compatibile con l’essere un atleta agonista, e così sono diventato un giocatore occasionale da campetto. Gioco solo a scopo ricreativo.

RapBurger) Per chi hai un occhio di riguardo? Ovvero: chi sono i giocatori che più ti hanno fatto innamorare della palla a spicchi e quale invece la squadra per la quale tifi?
Er Costa)
Parti dal presupposto che negli anni novanta guardare le partite era un gran casino. Pochissima copertura mediatica in Italia per l’NBA, chi la segue dall’epoca sa di cosa parlo quando accenno a nottate in bianco davanti alla tv, caccia ai magazines in edicola, posters e cards custoditi come reliquie, parliamo di ben prima della diffusione di internet o della tv via satellite, prima di Tele+ etc… In ogni caso ho avuto il privilegio di godermi la seconda metà della carriera di Jordan, tutto Kobe, e ovviamente mi sto godendo tutto LeBron. Gran parte della gente che mi conosce crede che io odii Kobe e che idolatri LeBron. In realtà non è così: io ho sempre amato i giocatori “contro”, i “most hated” diciamo. Sia MJ che Kobe sono dei campioni assoluti, sicuramente entrambi nella top 3 di ogni epoca, ma sono i classici uomini-immagine della lega, dove oltre al campione sul campo c’è anche un’immagine come uomo privato o personaggio pubblico che deve rappresentare un po l’immagine che la lega vuole dare di sè (lo si deve soprattutto all’ex commisioner David Stern), mentre a me piacciono più i personaggi genuini, anche se un po’ scomodi, del tipo “what you see is what you get”. Inoltre tendo a giudicare i giocatori col cuore più che in base alle statistiche o al numero di anelli vinti. Sicuramente LeBron è è il mio giocatore preferito e quello più forte fra quelli attualmente in attività. Ma il mio personale “più grande giocatore di tutti i tempi”, per il suo approccio al gioco, per la sua attitudine nello sport e nella vita in generale, e per tutte le emozioni e l’ispirazione che ha saputo donarmi nel corso della sua carriera non può che essere The Answer, Allen Iverson, per me l’unico vero G.O.A.T. Un uomo piccolo, dal cuore immenso, che ha saputo giganteggiare in un mondo di giganti dal basso dei suoi 180 cm (scarsi) per 80 chili (bagnato, con le protezioni). Gli ho visto fare delle cose sul campo e fuori che nessuno, sottolineo NESSUNO, hai mai fatto prima e mai più farà.

RapBurger) È un periodo di record in NBA, uno dei più recenti è quello negativo di Bryant: è l’uomo ad aver sbagliato più tiri in assoluto nella massima lega americana. Contemporaneamente, o quasi, è nata una polemica con l’ESPN che l’ha collocato in una posizione molto bassa per quanto riguarda la classifica dei migliori giocatori: cosa pensi del giocatore dei Lakers e della polemica?
Er Costa) Ogni volta che parlo di Bryant nel migliore dei casi mi danno dell’hater, nei peggiori mi dicono che non capisco un cazzo di basket. Adesso vorrei chiarire una volta per tutte la mia posizione. A me piace Iverson per lo stesso motivo per cui non amo particolarmente Bryant. Iverson non ha vinto manco un anello, ma ha sempre incarnato tutto ciò che io metto al primo posto nella vita, vale a dire la coerenza con se stessi anche davanti a situazioni dove invece si potrebbere tendere a sacrificarla in favore dellla diplomazia; celebre la sua frase “I don’t wanna be Jordan, I don’t wanna be Magic, I don’t wanna be Bird or Isiah. I don’t wanna be any of those guys. When my career’s over, I want to look in the mirror and say I did it my way.” Esatto, his own way. Ovunque essa portasse. Bryant invece ha sempre voluto essere Jordan. E’ ossessionato da Jordan. Ne ha copiato lo stile di gioco, le esultanze, i tiri famosi rifatti pari pari, e molto spesso a me sembra che giochi solo per superare i record di MJ, che è peggio che giocare solo per se stessi. Non stai giocando manco per te stesso. Figuriamoci per far vincere la tua squadra. Puoi essere anche il talento puro più grande della storia, ai miei occhi sarai sempre un “Wanna Be MJ”, e con questo spero di aver chiarito il discorso. Per quanto riguarda le statistiche, i record, e soprattutto il ranking di ESPN, quelle sono cose che interessano molto a uno come Bryant, e molto, molto poco a uno come me. Certo è che per avere il record di tiri sbagliati, devi averne tentati tanti. Ma veramente, veramente tanti.

RapBurger) Nowitzki, in Texas, è quasi un Dio: Wunder Dirk è entrato da poco nel gotha dell’NBA e, a 36 anni, continua a giocare e a sognare l’Anello come un ragazzino. A tuo avviso per Dallas e il giocatore l’anello rimarrà un sogno?
Er Costa)
Nowitzki è un Dio in Texas come lo è per ogni vero amante del Gioco. Ha consacrato la figura di giocatore europeo, o giocatore Fiba, nell’olimpo del basket a stelle e strisce. Dirti se in futuro riuscirà a vincere un anello è complesso. Il livello di basket nella western conference è siderale, e Dallas secondo me quest’anno non è fra le contenders che possono arrivare in finale di conference. Se dovessi puntare dei soldi li punterei sicuramente sul “No”. Quello che succederà nelle future stagioni dipenderà dal mercato. L’imminente rinegoziazione del contratto televisivo NBA ha fatto sì che tutti i top players siano prossimi a diventare freeagent. Può succedere veramente di tutto.

RapBurger) Joe Johnson, ala piccola dei Nets, ha da poco detto che i suoi giocano troppo egoisticamente in attacco. Sei d’accordo con il 33 enne dei Brooklyn?
Er Costa)
Io sono d’accordo con qualsiasi cosa dica Joe Johnson. (ride ndr) A parte gli scherzi, Brooklyn semplicemente non ha un sistema di gioco. In queste condizioni nella NBA di oggi semplicemente non vai da nessuna parte.

RapBurger) I Chicago sembrano essere una squadra quasi recuperata. Pensi sia l’anno buono per i Bulls di tornare a dire la loro o manca ancora qualcosa?
Er Costa)
Ai Bulls manca Rose, punto. Senza IL VERO Rose, visto il livello medio non così estremo della Eastern conference, sono comunque in grado di arrivare alla finale di conference, grazie a Noah e Gasol. Con lui al 100% sarebbero sicuramente una squadra da titolo.

RapBurger) Parlando di rap invece, quali sono i tuoi progetti?
Er Costa)
Fra pochi giorni pubblicherò Tutto Tranne Che Crudo, che altro non è che la raccolta di tutto ciò che ho fatto in carriera, tranne appunto l’album Nudo e Crudo. La raccolta sarà accompagnata dall’uscita di uno street video inedito, intitolato “Come Cazzo Me Pare”, è un pezzo che sento molto, è un pezzo “AllenIverson-esco”, molto diretto e scritto di getto, senza filtro. Sono quasi sicuro che darà adito a qualche fraintendimento e polemica, ma come ti dicevo poco fa parlando di AI#3 la cosa non è in cima alla mia lista di preoccupazioni.

RapBurger) Ora 3 tiri liberi, ovvero domande a risposta secca, con tre opzioni:

Chi vincerà l’anello? Spurs-Cleveland-Golden State Warriors
Er Costa) Cleveland

Chi potrà essere l’MVP? Kobe Bryant-Stephen Curry-Lebron James
Er Costa) MvP Regular Season: Stephen Curry
MvP Final Season: Lebron James

Il Rookie dell’anno? Payton-Wiggins-Parker
Er Costa) Wiggins

About Tommaso Naccari

Sparati anche questo!

SXM-XXV_hoodie-front-detail

Dalle 21.00 online la capsule 5tate Of Mind in onore dei Sangue Misto

Beh, parliamo di Deda, Neffa e Dj Gruff… questo lo dò come assodato… Il venticinquesimo …

Lascia un commento

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>