shopclues offers today 2017

amazon coupons code india

clear trip coupon code promo

flipkart coupon code

globalnin.com

RapBurger Awards 2014

AWARDS 2014

Tornano i RapBurger Awards, i premi dedicati ai migliori artisti italiani ed ai loro lavori di questo 2014. A differenza di molte altre classifiche musicali, i RapBurger Awards non sono a votazione popolare, ma sono decisi da una giuria interna di RapBurger in maniera da premiare in base a dei criteri e dei parametri severi e non a seconda dei numeri delle fanbase dei singoli artisti. Ecco quindi chi, secondo RapBurger, è risultato il miglior artista, il miglior gruppo, il miglior beatmaker, il miglior album, il miglior video e il miglior emergente di questo 2014.

MIGLIOR ARTISTA

Salmo 1. Salmo
 2. Noyz Narcos
 3. Achille Lauro

La scelta dell’artista migliore di quest’anno cade su Salmo. L’artista sardo nonostante non abbia pubblicato un suo album solista nel 2014 ha dimostrato all’Italia intera che il rap è una cosa seria, indipendente e soprattutto è Musica con la “m” maiuscola. I live sono il suo punto di forza ed è qui, quest’anno, che si nota principalmente la differenza con la maggior parte dei suoi “colleghi”: i live di Salmo sono perfetti, puliti, coinvolgenti ma soprattutto sono hip hop. La percezione che si ha del componente della Machete Crew è cambiata molto quest’anno e la sua fanbase non è più fatta solo da giovanissimi.
Al secondo posto troviamo Noyz Narcos che continua, straordinariamente, a migliorarsi benedicendo con le sue strofe i brani di chi lo chiama come ospite. Chiude il podio invece Achille Lauro, autore dell’ottimo e originale Achille Idol.

MIGLIOR GRUPPO

JM+BJ21. Johnny Marsiglia e Big Joe
2. Machete Crew
3. Stokka, MadBuddy e DJ Shocca

Johnny Marsiglia e Big Joe sono più che una conferma quest’anno. Chi li aveva già apprezzati nel 2012 con l’album Orgoglio si sarà forse trovato disorientato davanti al loro nuovo lavoro, Fantastica Illusione un lavoro distante dalla prima prova del duo palermitano. I due però non hanno voluto riproporre la formula vincente del primo album e hanno rischiato servendo sul piatto un cambio di stile e di immagini. E’ qui la differenza tra un artista ed un prodotto: la continua ricerca musicale e l’abbattimento dei propri standard. Molto probabilmente qualsiasi altro gruppo italiano al posto loro avrebbe fatto un “Orgoglio 2.0″ ma Johnny Marsiglia e Big Joe invece hanno osato e ci hanno sorpreso con un album tanto bello quanto complesso.
Un gradino più in basso di loro la mostruosa Machete Crew seguita dal trio Stokka, MadBuddy e DJ Shocca che insieme hanno dato vita all’EP Struggle Radio.

MIGLIOR BEATMAKER

TNS1. The Night Skinny
2. Big Joe
3. Banf

Dopo un’attesa che durava ormai quasi 2 anni, quest’anno è finalmente uscito O Kills il nuovo album di The Night Skinny. Un concept album dalle atmosfere belliche che ha dimostrato tutta l’abilità tecnica e il gusto di TNS che ha saputo scegliere dei sample inusuali rispetto a quelli scelti da altri beatmakers, che insieme alla batterie (dove non si è fermato a cassa-rullante-charleston) hanno creato il collante che lega tutte le tracce del suo album. Un netto passo avanti rispetto al precedente Metropolis Stepson e da premiare anche la capacità di collocare sullo stesso disco una cospicua varietà di artisti molto diversi tra loro.
Per il terzo anno consecutivo si piazza ancora sul podio Big Joe al secondo posto e dietro di lui un sorprendente Banf con i suoi lavori per Achille Lauro e Noyz Narcos.

MIGLIOR ALBUM

fantastica illusione1. Johnny Marsiglia e Big Joe – Fantastica Illusione
2. Achille Lauro – Achille Idol
3. Ghemon – ORCHIdee

Johnny Marsiglia e Big Joe quest’anno non sono solo il miglior gruppo ma sono anche gli autori del miglior album. Il loro Fantastica Illusione è stato (complice anche dei ritardi dei nuovi album di Marracash, Colle Der Fomento e Mecna) a livello artistico e di qualità il miglior prodotto di quest’anno. Un album difficile, oscuro, che forse ha colpito più gli addetti ai lavori che i fan, sperimentando nuove atmosfere nelle produzioni e flow che in Italia nessuno ancora utilizza. Al secondo posto troviamo invece Achille Idol di Achille Lauro complice anche una serie di produzioni di livello altissimo. Eccellente anche il lavoro strumentale di ORCHIdee di Ghemon che si piazza al terzo posto nella classifica dei migliori album del 2014.

MIGLIOR VIDEO

Non Sopporto1. Machete Crew – Non Sopporto
2. Salmo – Mussoleeni
3. Gemitaiz & Madman – Instagrammo

Ancora Machete Crew e ancora Salmo. I primi 2 posti della classifica del miglior video se lo portano a casa i Macheteros. Il gradino più alto se lo guadagna il video di “Non Sopporto” firmato da quello che ormai è un marchio di qualità indiscutibile, ovvero Niccolò Celaia e Antonio Usbergo AKA YouNuts! che da un paio di anni ormai sono dietro alle migliori clip nel panorama rap. Ottimi video e ottima musica anche per il secondo posto con “Mussoleeni” di Salmo e chiude invece “Instagrammo” di Gemitaiz & MadMan per la regia di Jacopo Rondinelli.

MIGLIOR EMERGENTE

Jamil1. Jamil
2. Maruego
3. Dutch Nazari

Il titolo di miglior emergente del 2014 va a Jamil che quest’anno ha pubblicato il suo album d’esordio Il Nirvana. Una prova che ha sorpreso in molti; non ci si aspettava tanto dal debutto solista del rapper di Verona che ha saputo confezionare un disco da vero artista PRO. Il Nirvana infatti non sfigura in niente se affiancato ad altri lavori usciti quest’anno da artisti ormai affermati e in tutte le sue 17 tracce Jamil dimostra di avere un’invidiabile padronanza dei suoi mezzi. Alla seconda posizione troviamo invece Maruego che con l’aiuto dei 2nd Roof ha dato vita allo street album Che Ne Sai che ha fatto discutere tanti. Infine il terzo miglior emergente di quest’anno è Dutch Nazari che nei mesi scorsi ha firmato con la Giada Mesi di Dargen D’Amico per poi pubblicare l’interessante EP Diecimila Lire.

About Koki

Amo l'hip hop, il vino rosso, disegnare chiese e vincere. Il mio vero nome è Jorge ma nessuno lo sa pronunciare.

Sparati anche questo!

Tony Allen

La trap non deve ignorare Tony Allen

Giovedì notte si è spento Tony Allen, all’improvviso, a 79 anni. Ovviamente il mondo della …

Lascia un commento

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>