shopclues offers today 2017

amazon coupons code india

clear trip coupon code promo

flipkart coupon code

globalnin.com

Lucci a Zapping – Le interviste fotografiche

ZAPPING LUCCI

Zapping è una rubrica di racconti e immagini. Un misto tra una chiacchierata guardando distrattamente la TV e un test psicologico. Ad ogni frame è collegata un’opinione, ad ogni cambio di canale corrisponde un pensiero spontaneo.
L’ospite del giorno è Lucci, membro del gruppo Brokenspeakers, che l’anno scorso ha pubblicato il suo primo album da solista: Brutto E Stonato.
L’abbiamo invitato a vedere la TV con noi in questa nuova stagione di Zapping e girando un po’ di canali ci ha fatto sapere la sua opinione.

ZAPPING LUCCI ODIO PIENO

Lucci) Amici. Considera che non molti ci crederanno ma ho ascoltato questo disco con enorme ritardo. Io ho sempre ascoltato rap americano e, nel periodo tra le medie e il liceo, di roba italiana, più che di dischi, ho il ricordo di alcuni pezzi sparsi. L’unico con cui stavo proprio tanto in fissa era Sparo (Il Turco). Al Colle ci sono arrivato dopo. Non ci conoscevamo e la disponibilità nei nostri (Brokenspeakers) confronti è stata genuina. Tutta una serie di eventi ci hanno portato a diventare amici, condividere palchi e featuring e a loro voglio proprio bene.

ZAPPING LUCCI CHARLIE

Lucci) Eh, la verità è che quasi nessuno è Charlie. Il mondo è incastrato in un rispetto senza senso verso cose che non esistono. Rispetto univoco tra l’altro. Io sono tenuto a rispettare la religiosità altrui, ma nessuno rispetta il mio essere ateo agnostico e in questo rispetto univoco ci caschiamo tutti. Nessuno in Italia rischierebbe la vita, o anche solo la libertà, per essere libero di prendere per il culo qualcosa o qualcuno. C’è sempre un ma e un forse… nella loro battaglia non c’erano ma.
Lo ha detto anche Gipi (fumettista italiano ndr) nella sua intervista alle Invasioni Barbariche, quelli di Charlie Hebdo non erano eroi, erano anarchici. Io non credo di esserlo fino in fondo e di persone sinceramente anarchiche ne conosco forse un paio.

ZAPPING LUCCI BARBA

Lucci) La natura mi ha tolto i capelli, ma per fortuna mi ha dato la barba. Mi ci trovo bene, mi fa stare a mio agio. La scelta della barba è casuale, deriva da pigrizia. Dopo aver visto che mi piaceva come stavo con la barba ho detto ok, non tagliamola più. Ah, tengo a precisare che ce l’ho da prima che fosse di moda e la terrò anche dopo. Guardate le foto della gente con o senza barba… anche quello con la faccia più da tonno con la barba acquista punti.

ZAPPING LUCCI SUSHI

Lucci) ‘Sta foto m’ha fatto venì fame. Amo la cucina giapponese, che non è solo sushi e roba cruda. Mi piace la cura che mettono i giapponesi in ogni cosa e il cibo non è da meno. E’ SHIBUMI (cercate il significato). Purtroppo la maggior parte della gente va a mangiare in quei merdosi All You Can Eat cinogiappothaybrasiliani e ha un’idea totalmente falsata della cucina giapponese. E a te… che sotto la foto del sushi scrivi “la cucina italiana è la migliore!”, non capisci una sega e non sai quanto fa parte della tradizione, soprattutto del sud, il crudo di pesce. Poi se volete in privato vi consiglio dei giapponesi veri a Roma (non cinesi finti giappo).

LUCCI ZAPPING EMINEM

Lucci) King assoluto. Ha cambiato il gioco in America, e anche da noi penso si possa parlare di un pre-8mile e un post-8mile. Lo stavo pensando l’altro giorno, ogni volta che parte “Lose Yourself” divento un 12enne infottato.

ZAPPING LUCCI ZEROCALCARE

Lucci) GENIO! (con la voce di Renè Ferretti di Boris). Guarda non saprei analizzare il “fenomeno Zerocalcare” nel complesso. Abbiamo la stessa età e un background simile quindi con me vince facile. Il fatto è che è riuscito, seppur con riferimenti generazionali specifici, a fare breccia in un pubblico molto vasto, composto da gente anche molto grande e molto piccola. Questo penso sia dovuto ad una “delicatezza”, una sensibilità nel descrivere le emozioni e alla fine le emozioni non hanno età. Io sono uno molto sensibile, quando leggo qualcosa o guardo un film ho il piantarello facile. Mentre leggevo “Dimentica Il Mio Nome” mi ha fatto piangere a dirotto e ridere fortissimo da una pagina all’altra, è stato faticoso. Credo quindi che la sua grande forza stia lì. Riesci ad empatizzare leggendolo. E ha pure fatto una storia su di me. Tvb Michè!

(Koki & Stefano Zanoni)

About Koki

Amo l'hip hop, il vino rosso, disegnare chiese e vincere. Il mio vero nome è Jorge ma nessuno lo sa pronunciare.

Sparati anche questo!

Sottosopra Madman Nayt Massimo Pericolo

Sottosopra Fest: Madman torna a casa; esordio per Massimo Pericolo e Nayt

Il Sottosopra Fest 2019, il festival rap più importante dell’estate, è partito alla grande con …

Lascia un commento

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>