Home / FEATURED / TOP BEATS – Le migliori produzioni del mese

TOP BEATS – Le migliori produzioni del mese

top beats araabmuzik

TOP BEATS è uno sguardo selettivo sulle produzioni che escono ogni mese nella scena internazionale. La necessità di fotografare il suono di alcuni brani nasce come voglia di dare risalto anche ai produttori e al loro lavoro di creazione ed ideazione. Il producer è infatti spesso una figura vista in secondo piano, nonostante sia invece parte integrante e fondamentale nel processo di crezione. TOP BEATS vi porterà quindi alla scoperta della cura del suono e dell’arte del beatmaking.

1) De La Soul feat Nas – God It (prod. G-Force)

I De La Soul hanno pubblicato questo brano per mostrare il suono su cui stanno plasmando i brani del nuovo album che stanno attualmente realizzando. Tuttavia “God It” non sarà contenuta nel progetto, vale appunto solo come antipasto. Ma è un antipasto di quelli ricchi, perché G_Force fornisce loro un beat davvero d’impatto. Tutto si basa su un semplice loop di batteria dal suono corposo, accompagnato da un giro di fiati che conferisce carattere al brano. Ogni tanto il loop si apre a qualche campione vocale e inserti di synth, ma resta per lo più invariato. Semplice ed efficace.

2) Kendrick Lamar – King Kunta (prod. Sonwave)

Kendrick Lamar mostra tutta la sua classe in questo brano anche grazie alla produzione ipnotica fornitagli dal concittadino Sonwave. Un suono tipicamente west coast, dal gusto funk, con una linea di basso prepotente che guida l’intera produzione. Su di essa si stende una ritmica secca e incalzante. Il tutto viene poi arricchito di quando in quando con riff di chitarra, note di piano e campioni vocali. Il risultato è un brano davvero coinvolgente che mette in risalto tutte le qualità liriche e musicali di Kendrick Lamar.

3) Kaytranada & Freddie Gibbs – My Dope House (prod. Kaytranada)

Il beatmaker canadese Kaytranada si è messo al lavoro per fornire a Freddie Gibbs un perfetto tappeto musicale per il suo rap. Neasce così “My Dope House”: un brano dall’atmosfera scura, a tratti claustrofobica, data da un beat fatto di bassi profondi, synth e una ritmica cadenzata. Nel ritornello l’atmosfera cupa viene squarciata da synth più leggeri regalando così dinamicità al brano. Kaytranada ha trovato quindi un’ottima chiave di interpretazione per collaborare con Freddie Gibbs, tanto che i rumors indicano che i due siano già al lavoro su un intero ep assieme.

4) Raekwon feat Snoop Dogg – 1,2 1,2 (prod. Scoop Deville)

Rakewon per il suo ritorno sulla scena con il nuovo album ha deciso di affidarsi per le produzioni a nomi di assoluto rilievo. Tra questi Scoop Deville, produttore che ha lavorato per i maggiori rapper americani degli ultimi anni. Proprio lui firma la produzione di “1,2, 1,2″ con Snoop Dogg. Ritmica secca e incalzante, bassi corposi, synth in sottofondo e poi nel ritornello emerge con prepotenza un loop di fiati con dei semplici scratch che conferisce ulteriore stile ad un brano già di notevole impatto.

5) araabMUZIK – Day Dreams

A quattro anni dal suo ultimo album strumentale ufficiale, araabMUZIK annuncia con questo brano il suo nuovo disco Dream World, la cui uscita è prevista per metà giugno. Lo fa con un brano strumentale che ci fa viaggiare nel suo stile e nel suo estro creativo. Una traccia vocale fa da connettore tra le diverse atmosfere affrontate nel brano. AraabMUZIK gioca con i synth e con la ritmica. A tratti la strumentale si trasforma quasi in una produzione elettronica, per ritmica e sonorità. Ma il gusto che unisce il tutto e che fa da collante in questo viaggio di suoni è tipicamente HipHop; per la capacità di integrare e disgregare tra loro suoni ed attitudini, creando così un collage intelligente e coerente nel suo insieme.

Menzione speciale: Cooking Soul – One For The GURU

Ho già presentato in precedenti episodi della rubrica le produzioni degli spagnoli Cookin Soul. Qui li menzioniamo nuovamente perché il duo ha deciso di rendere omaggio a Guru, figura a loro molto cara, nel giorno dell’anniversario della sua morte dedicandogli una strumentale appositamente realizzata. In ricordo degli esperimenti della serie Jazzmatazz, i Cookin Soul hanno pescato nel funk, nel jazz e nel soul per creare un collante con il tipico boom-bap Hip Hop. All’interno poi hanno inserito anche alcuni speech di Guru che racconta del valore della musica e dell’arte. Insomma un ottimo modo di rendergli omaggio.

Progetto strumentale:

Harry Fraud-Blue/Green Instrumental

Un progetto fresco ed attuale quello di Harry Fraud. All’interno nove produzioni confezionate per vari emcee negli ultimi tempi, ma assemblate in questo progetto in maniera sapiente. Il filo conduttore lo fanno i riff di chitarra usati in maniera ricorrente dal produttore. Mentre le ritmiche, tutte dal suono elettronico ed attuale, cambiando di brano in brano, così come i vari elementi che Harry Fraud man mano utilizza. Nel complesso quindi ne risulta un ep omogeneo, capace di far viaggiare l’ascoltatore nelle invenzioni del beatmaker, alla scoperta di produzioni ricche ma sempre riconoscibili nel loro complesso.

About Francesco Zendri

Insaziabile di musica e cibo, vere e proprie ragioni di vita, amo scrivere e vado matto per la criminologia. Nel tempo libero curo le iniziative dell'Associazione Culturale Step by Step di Rovereto (Tn) per promuovere la cultura Hip Hop.

Lascia un commento

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>