shopclues offers today 2017

amazon coupons code india

clear trip coupon code promo

flipkart coupon code

globalnin.com

Francesco Paura – Sogno Loro (prod by Fid Mella) [RapBurger Exclusive]

Francesco Paura

Foto di Gaetano Massa

Francesco Paura sta per tornare con il suo nuovo album, Darkswing, il terzo da quando ha iniziato la sua carriera da solista. Il rapper di Napoli ha più volte affermato che il suo nuovo lavoro è quello che gli è riuscito meglio in questi 20 anni di attività e noi incuriositi abbiamo ascoltato in anteprima il suo album. Non vi sveliamo niente se non un’anticipazione con l’esclusiva che Francesco Paura ci ha gentilmente concesso, “Sogno Loro”, traccia che gode della produzione di Fid Mella e che racconta i suoi primi anni di attività insieme ai suoi amici di un tempo. Darkswing uscirà il 18 maggio e noi con la scusa dell’esclusiva ne abbiamo approfittato per fare qualche domanda a Francesco Paura che ci ha parlato del suo album, della copertina, del rapporto con Danno dei Colle Der Fomento e dell’underground.

RapBurger) Partiamo dal packaging che mi sembra molto interessante, che lavoro c’è stato dietro?
Francesco Paura)
In realtà io avevo fatto una cosa più egiziana, sempre sul bianco e nero con l’oro e aveva una specia di sfinge in copertina che avevo creato. Poi è uscito il disco di Raekwon che somigliava un bel po’ all’idea che avevo avuto e quindi l’ho cambiata anche se quella di Raekwon era abbastanza bruttina. Mi son detto che dovevo superarlo facendo una cosa mai vista e quindi ho pensato a questo digipack a croce con degli incastri. Devo ringraziare Raekwon quindi! (Si ride) Ha fatto una copertina orribile. La mia era bella però, il concept era simile ma la mia era più figa.

RapBurger) Il brano che ci hai dato in esclusiva, “Sogno Loro”, come è nato? Possiamo chiederti se c’è una persona precisa a cui è indirizzata?
Francesco Paura)
E’ indirizzata a tutta una schiera di amici della vecchia scuola. Quando parlo dell’amico che mi ha lasciato in questa nazione di merda e se ne è andato, intendo questo caro amico mio che adesso è a Londra ma aveva iniziato a fare rap con noi. Ci sono vari riferimenti alla crew dell’epoca, di Piazza San Domenico Maggiore dove facevamo le jam, dove è nato in un certo senso il rap napoletano. Il pezzo è nato da questa base bellissima di Fid Mella che mi ha mandato, mi ha colpito e mi ha emozionato subito dal primo ascolto. Il pezzo l’ho scritto in un pomeriggio, la mattina mi aveva mandato il beat e il pomeriggio avevo già pronto il testo. E’ stata una roba di getto che secondo me sono quelle che riescono meglio.

RapBurger) Tra l’altro è una delle poche strumentali con dei campioni nel disco. Come per Slow Food, anche in Darkswing le basi hanno molti synth e sono per lo più suonate.
Francesco Paura)
In realtà ci sono dei campioni sparsi un po’ tra tutte le strumentali. Delle volte partiamo da campioni, poi iniziamo a suonarci sopra e magari il campione alla fine lo eliminiamo tenendoci solo le linee armoniche. La produzione di Amon per dirti, in “Ascia Di Guerra”, ha molti campioni anche se poi sopra ci ha suonato. Il sampling è una cosa che mi affascina tanto e molte volte anche nelle cose suonate, magari le batterie, sono campionate. C’è un buon connubio tra il metodo lavorativo della golden age e le cose più nuove.

RapBurger) Questo connubio mi sembra essere presente in tutto l’album. La scelta delle metriche e delle tecniche sono molto “underground”, ma alla fine non suona molto come gli album underground di oggi.
Francesco Paura)
Per me il termine underground può significare tutto come nulla. Ci sono cose mainstream che però in realtà hanno un concept molto di nicchia alla spalle, come per esempio l’ultimo album di Kanye West che nonostante sia un album mondiale ha dietro un concept molto dark che può non piacere a tutti. Io volevo fare qualcosa di attuale ma che rispettasse il mio trascorso storico in maniera che possa piacere a quelli della mia generazione ma anche ai più giovani.

RapBurger) Il titolo di un album è molto importante. Come per la copertina si tratta della prima presentazione del disco e devi cercare di racchiudere tutto il concept dell’album in una frase o una parola. Cosa vuol dire Darkswing?
Francesco Paura)
Come dicevi tu, per me questo è un concept album, non una serie di pezzi messi insieme per creare un LP, ma è un lavoro con un inizio e una fine. Ho cercato di mantenere una linea comune per tutte le produzioni e per tutto il mood dell’album e il titolo è la sintesi di quello che è il disco, l’album più scuro che io abbia mai fatto, il più notturno con delle sonorità crepuscolari. La prima parte del titolo è riferita a questo. La seconda parte, “Swing” è il mio modo di stare sul tempo. Swing significa oscillare, è una tecnica del jazz che si usa per andare un po’ più avanti o un po’ più indietro sul tempo, invece di stare quadrato sulla battuta. E’ un po’ una mia dote tecnica quella di essere jazz nelle metriche, cerco di stare un po’ in avanti sul tempo per avere delle soluzioni particolari e diverse. Il titolo è il connubio di queste due parole e l’idea mi è venuta in mente una sera.

RapBurger) In Darkswing ritorna la collaborazione con Danno per la parte 2 di “Un Mondo Difficile”. Da quanto avevate in mente di fare questo pezzo?
Francesco Paura)
L’idea è venuta qualche mese fa, non ne avevamo mai parlato prima però. Noi ci vediamo spesso, io e Simone (Danno ndr) ci vogliamo bene e siamo amici a prescindere dall’aspetto musicale. Volevo tirarlo dentro all’album e dato che sono passati quasi 10 anni da “Un Mondo Difficile” ho pensato di fare una sorta di re-edit. E’ nato tutto in modo naturale, gli avevo mandato una strumentale, non ci veniva nulla di così forte e poi abbiamo trovato la strumentale adatta, gliel’ho mandata e lui se ne è innamorato. E’ un rapporto molto stretto quello che abbiamo io e Simone, per me è un certo vanto perchè lui è uno dei miei più grandi sostenitori.

D A R K S W I N G {packaging} – FRANCESCO PAURAD A R K S W I N G : fuori il 18 Maggio. Con la partecipazione di E-Green, Danno, Clementino, Ensi, D-Ross, 2P, Fid Mella, Craim, Stabber, Don Diegoh, Kiave, Star-T-Uffo, Daniele Franzese, De-Quantiside, J-Vas, Greg Rega, Bruno Briscik, Amon e Ison. Si ringrazia pablo vecchione fotografo per le riprese.

Posted by Francesco Paura on Lunedì 11 maggio 2015

RapBurger) Rimanendo sulle collaborazioni, l’unico featuring proveniente da Napoli è Clementino. E’ una scelta? Qual è il tuo rapporto con la scena napoletana?
Francesco Paura) Con la scena napoletana io sto in rapporti ottimi, sia con i generali come Cenzou e ShaOne che con le nuove generazioni che mi vedono un po’ tra virgolette come un maestro. Il rapporto con la scena campana è fantastico. Quella di Clementino è stata una cosa naturale, con lui ho un rapporto di amicizia stretto, io sto in tutti i suoi dischi e lui sta in tutti i miei e ci legano tante esperienze comuni. Tutte le collaborazioni sono nate prevalentemente dall’amicizia, è gente con cui mi sento e a cui voglio bene.

RapBurger) Il brano più riuscito secondo me è Overdrive, che per chi ha ascoltato il tuo album precedente rimanda alla memoria di Drive. Nel pezzo sembra che hai definitivamente chiuso tutti i dubbi e le riflessioni intime delle due canzoni nell’ultima frase: “Ho una donna che mi sta aspettando, nei suoi occhi vedo già mio figlio”.
Francesco Paura) E’ assolutamente così, mia moglie è in dolce attesa e questo pezzo l’ho scritto poco dopo averlo scoperto. E’ stato l’ultimo pezzo in ordine cronologico che ho scritto. In un certo senso si avvicina più all’alba rispetto a “Drive” che era interamente notturno. La strumentale l’abbiamo lavorata io e Daniele Franzese sulla musica di mio fratello, che ha 20 anni e che ho cresciuto a pane e Led Zeppelin, è un grandissimo musicista e canta anche il ritornello. Anche questo è stato un pezzo fatto di getto e veloce ma sono molto soddisfatto.

About Koki

Amo l'hip hop, il vino rosso, disegnare chiese e vincere. Il mio vero nome è Jorge ma nessuno lo sa pronunciare.

Sparati anche questo!

mf doom cover

Le mille identità di MF Doom: il rapper preferito del tuo rapper preferito

Daniel Dumile aka MF Doom è stato uno degli artisti più iconici ed influenti del …

Lascia un commento

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>