shopclues offers today 2017

amazon coupons code india

clear trip coupon code promo

flipkart coupon code

globalnin.com

La storia di Vince Staples

Vince Staples

Oggi vi parliamo di un artista giovane, che nonostante l’età è comunque uno degli artisti più interessanti del Rap conscious americano, grazie al lavoro concettuale e la maturità che egli dimostra: Vince Staples.

Vince Staples, uno dei pochi rapper che non usa uno “stage name”, è nato il 2 luglio a Long Beach, California, classe 1993. La sua è una storia abbastanza travagliata: come la maggior parte dei ragazzini che vivono fuori da Los Angeles, ha vissuto la sua infanzia dai nonni, perché la madre era occupata con il lavoro e il padre faceva avanti e indietro dal carcere.
Con un padre così come riferimento, Vince non ci mette molto a farsi coinvolgere nelle attività criminali di Long Beach, e ciò gli procurerà un sacco di problemi con la sua famiglia: marina spesso la scuola, finché non decide di abbandonarla definitivamente, e viene sbattuto fuori di casa ripetutamente.
La maggior parte delle sue tracce (se non tutte) parlano infatti delle attività e della vita che egli faceva negli anni in cui praticava Gang Banging a Los Angeles.

Poi nel 2011 incomincia a uscire con Dijon “LaVish” Samn e Chuck Wun, e decide definitivamente di chiudere con il passato da gangster e di dedicarsi completamente alla musica. Grazie a queste conoscenze si mette in contatto con Syd tha Kid dei The Internet, e con quello che diventerà uno dei suoi migliori amici nella Rap industry: Earl Sweatshirt.
Il suo stile ricorda molto gli artisti a cui si ispira, ad esempio Kendrick Lamar, Common e Ice Cube.
Nel 2012 Vince conosce anche Mac Miller, con cui produrrà il suo primo mixtape ufficiale, Stolen Youth, in cui compaiono Ab-Soul , ScHoolboy Q, Da$h e Joey Fatts. Il lavoro viene molto apprezzato e Vince verrà chiamato a fare da “support act” per i tour di Mac Miller e ScHoolboy Q, oltre che a comparire per 3 volte in Doris, l’album di Earl Sweatshirt.

Grazie a queste vetrine, Staples firma nel 2013 per la Def Jam, una delle etichette più importanti del panorama Hip Hop mondiale, e nel 2014 pubblica l’EP che lo confermerà prepotentemente tra i rapper più freschi del rap game americano: Hell Can Wait. Tra i singoli più apprezzati dell’EP ricordiamo “Blue Suede” e “Hands Up”.

A giugno di quest’anno, Vince ha pubblicato il primo album ufficiale per Def Jam: Summertime ‘06.
Si tratta di un lavoro strutturato un maniera particolare: 10 tracce appartengono alla prima tranche “Summertime” dove Vince si incentra più sul divertimento e gli svaghi dell’estate di Long Beach; le 10 restanti fanno invece parte della tranche chiamata “06”, in cui fa riferimento all’ansia e la pressione a cui è stato sottoposto durante il periodo in cui era coinvolto nelle attività criminali.
Quello che la vita di Staples vuole farci capire è che il titolo vuole essere un ossimoro.
Inoltre l’album è stato pensato come se Vince avesse prodotto una serie TV, in cui ogni canzone è un episodio che tratta di un argomento in particolare. La prima traccia di Summertime “Ramona Park Legend pt.1” è un introduzione che ricorda i pilot delle serie TV americane. L’ultima traccia di ‘06 (che si chiama per l’appunto “’06″) si conclude con un “Next time, on Poppy street..”, come se ci fosse un’introduzione a una puntata successiva, e con lo spettatore che scocciato spegne la TV.

Tra i temi più ricorrenti troviamo: la pericolosità dei soggetti che come lui hanno avuto un padre criminale, le relazioni con le belle donne (definite come la criptonite dei gangster), lo spaccio di droga, le attività criminali di Long Beach e le preoccupazioni di una vita in cui ci si trova costantemente sotto pressione.
L’album è stato quasi interamente prodotto da No I.D., produttore che ha già lavorato con artisti del calibro di Jay-Z, Kanye West, Big Sean, Common e Nas.
Vince è particolare anche nella scelta delle collaborazioni; in quest’ultimo album, ad esempio, troviamo: Future e Snoh Aalegra in “Senorita”, Kilo Kish che compare in “Surf” e in “Dopeman” con Joey Fatts, Jhenè Aiko in “Lemme Know”, A$ton Matthews in “Hang’N’Bang”, Desi Mo in “Get Paid” e Daley in “Birds and bees”.
La maggior parte degli artisti è stata scelta in base a due criteri: o sono sotto contratto con Def Jam (Snoh Aalegra, Jhenè Aiko..) o sono originari di Long Beach (A$ton Matthews, Joey Fatts, Desi Mo..).

Questo album è stato uno dei più acclamati di quest’anno, inoltre Vince, come Kendrick Lamar e Tyler The creator, è uno dei rapper che non fa uso di alcol e droghe perché, come afferma in un intervista alla rivista I-D:

“Ho visto gente ubriaca e gente fatta, e mi infastidiscono. Mi immagini ubriaco o fatto? Non mi ci vedo. Mio padre era un drogato, e conosco bene quella roba. Dovevo andare oltre a familiarizzare con lo stare male. Una volta mettevo la codeina nella Sprite. Ora bevo solo la Sprite, è diverso. La Sprite è una bevanda per tutti.”

Non è da tutti raggiungere una maturità del genere a 22 anni.

Acquista Summertime ’06 di Vince Staples da qui.

About Fabio Baratella

Proveniente dalla provincia di Milano, sono un fan di Mortal Kombat, di Frank Miller, degli Sport Motoristici e del Giappone.

Sparati anche questo!

FREDDIE GIBBS SANTERIA

Freddie Gibbs e Jay Prince in Santeria! Noi ti regaliamo i biglietti per andarli a sentire!

Freddie Gibbs torna in italia il 5 Novembre a Milano, in Santeria Toscana 31, con …

Lascia un commento

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>