shopclues offers today 2017

amazon coupons code india

clear trip coupon code promo

flipkart coupon code

globalnin.com

Jake La Furia: “l’ammazza feat”

Jake La FuriaFoto di Giovanni Gastel

Se lo conosci, lo eviti o almeno ci pensi due volte prima di chiedergli un feat.
“La diagnosi precoce è importante”, recitava lo spot che l’ha visto protagonista, dovrebbe servire da monito per tutti quelli che lo vogliono nella propria traccia: non si scherza con La Furia.

Tra non molto vedremo la sua partecipazione inedita nella pellicola “Solo Per Il Weekend” di Kobayashi, e anche lì non interpreterà il ruolo del puro di cuore, dovrebbe essere lo scagnozzo del malvivente di turno, quello che non vuoi vedere dallo spioncino della porta se devi soldi a qualcuno. Beh, il ruolo gli si addice.

Jake-La-FuriaJake La Furia in una scena del film

La passione per le Harley è seconda solo a quella che ha per il Milan, ecco perché poco tempo fa è stato chiamato come ospite a TIKI TAKA, alla mercé delle battute di Pierluigi Pardo e delle avance di Elenoire Casalegno. Ed è proprio durante la diretta della puntata dello talk-show sportivo di Italia1, nella notte del 1 settembre, che Jake si è lasciato sfuggire il periodo della possibile uscita del suo secondo lavoro solista: gennaio 2016.
Il nuovo anno porterà un nuovo Jake o si replicherà l’incertezza di Musica Commerciale?
Ma poi realmente abbiamo bisogno di un nuovo Jake? Credo di no.

Quindi “la data X” è gennaio 2016.
Esattamente due anni fa, nei primi giorni del gennaio 2014, il rapper, o chi per lui, si vedeva costretto ad annullare il tour legato al suo primo lavoro solista.
Ora tutta la “scena” e tutti i suoi fan si aspettano un lavoro da ricordare negli anni, non che a chi lo segue servano delle conferme, ma forse qualche “addetto ai lavori” vuole qualcosa che tiri una riga sulla falsa partenza di Musica Commerciale.
Il paragone con il compagno d’avventura nei Club Dogo è chiaramente inevitabile anche questa volta. E tutti sappiamo benissimo che la battaglia di numeri, vendite e sold out fa pendere l’asticella verso la parte di Guè che, da solista, la fa da padrone.
Ma forse è lui stesso che non vuole essere il rapper da instore affollati in centri commerciali fin troppo luminosi o alla consolle di djset in locali di “prim’ordine”? Jake è più il tipo da localaccio di periferia, mentre in piedi sul divanetto agita la sua bottiglia di Moet offerta.

Ma c’è una cosa che un vero rapper deve fare: mai metter rime banali in un feat, niente riempitivi.
Infatti Jake si candida, alla pari con pochi altri nomi, come uno dei migliori quando si tratta di mettere una sedici in una traccia non sua.
Mr. Mi Fist, FAME, Vigo, il tarro più tarro di tutti, colui che sale ancora sul palco in maglietta nera-jeans-Nike Silver… Jake La Furia è ufficialmente “l’ammazza feat”.
Vediamo alcuni dei lavori ufficiali (e non) che lo vedono coinvolto.

TRENDSETTER – VACCA FEAT. JAKE LA FURIA

Una delle migliori tracce dell’album. Loro hanno “dettato la moda”, hanno imposto uno stile e ne sono ancora i portatori sani. La traccia di Vacca contenuta nell’ultimo lavoro solista L’Ultimo Tango (acquistalo da qui) si apre (e si chiude) con un campionamento del film i “Guerrieri della notte” e fin da subito si capisce che è una dichiarazione verso tutti quelli che questa cosa non la sanno ancora fare.
Racconta di qualcosa che c’è stato, di una Milano di parchetti e rispetto, il pane quotidiano per il rapper milanese trapiantato a Kingston Town. Ma qualcuno a Milano c’è rimasto, sa come è cambiata e da dove è iniziato tutto, quello è Jake.
Citazioni e punchline riferiti agli anni ‘90 , cabine e gettoni, 1000Lire, Pacman, sale giochi e Oakley su un ritmo incalzante dove i due si trovano a proprio agio e soprattutto si chiamano per nome.
Due pesi massimi sulla stessa traccia, ma se si parla di peso? Vince Jake.

TOP PLAYER – MADMAN FEAT. JAKE LA FURIA

MadMan si autodefinisce un Top player, Top seller sicuramente (questa settimana Doppelganger è l’album più venduto in Italia), ma il gioco del rap non è fatto di numeri ma di rime.
La base è chiaramente prodotta intorno all’attitudine del giovane rapper, un insieme di clap, ottoni, bassoni “da club” e il campione di “Darkest Light” della Lafayette Afro Rock Band già usato in passato dai Public Enemy e Jay-Z. E’ la classica traccia dove le rime di Mad scorrono lisce come l’olio, ma al 1:20 entra Jake e la canzone si trasforma. “…nessuno compete con il top player…”

EUTANASIA – MADMAN & GEMITAIZ FEAT. JAKE LA FURIA

Il titolo della traccia è la miglior risposta alla domanda: “perché avete scelto Jake come feat?”
Nella traccia #12 di Kepler, primo album ufficiale della coppia campione di vendite, il duo capitolino paga chiaramente lo scotto dell’esperienza.
Anche se, non possiamo non citare che lo stesso Jake aveva lasciato uno spazio importante ad entrambi tra le bonus track di Musica Commerciale Deluxe Edition (ancora disponibile su Amazon). In quel caso, nulla da dire, il pezzo era più nelle corde di MadMan e Gemitaiz, che si sono cuciti addosso un’ottima versione di “Teddy Boy rmx”.

DI TUTTI I COLORI – EMIS KILLA FEAT. JAKE LA FURIA

Emis Killa ha deciso di regale il freedownload di Keta Music Vol2, progetto totalmente diverso dai sui album mainstream. Meno “pop” e più rap per Emis in Keta Music.
Produzioni crude affidate ad un schiera di mostri, da Bassi a Fritz, passando per 2nd Roof, Pk, Big Joe, Sick Luke, Don Joe e Mondo Marcio.
C’è posto per tutti in questo lavoro, un sacco di feat che radunano i migliori dell’intera scena.
Ed è proprio nella traccia 9, “Di tutti i colori” che Jake non smentisce la sua “Fame”.

SULLA PELLE – ENTICS FEAT. JAKE LA FURIA

La traccia fa parte dell’album Entics, Television Vol 3, Jake si trova a dover rappare di Tattoo… vabbè, la prossima volta Entics sfiderà Cracco ai fornelli?
In questo caso Jake non può che fare che il Jake, a 2:05 sfodera una serie di rime che ti fanno dimenticare di chi sia la traccia.

Questi sono forse gli esempi più illustri che ci fanno sperare in un secondo lavoro di qualità e spessore.
Certo, il vero rapper è colui che riesce a dare il meglio in una strofa, ma sviluppare un progetto, una canzone con una struttura e un ritornello non banale ed orecchiabile è una cosa molto più complicata. Comunque nessuno si aspetta un disco da rotazione musicale e forse nessuno lo vuole da uno come Jake.
Ma “L’ammazza feat” si trova ora al fatidico giro di boa: riuscirà a cancellare la delusione di Musica Commerciale e ad affermare il proprio nome come solista?
Auspichiamo che gli errori nella gestione del primo lavoro possano servire per non commetterne altri.
Ha inizio il conto alla rovescia. Jake ha circa quattro mesi per riconfermarsi il Re di Milano.

About Massimiliano Suardi

Amo l'arte e l'architettura, appassionato di design d'interni. Fammi vedere che sneaker indossi e ti dirò chi sei!

Sparati anche questo!

margherita vicario emis killa

No, il rap non è sessista

Sembra quasi un paradosso che nella culla dell’arte si faccia fatica a distinguere un’espressione artistica …

Lascia un commento

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>