shopclues offers today 2017

amazon coupons code india

clear trip coupon code promo

flipkart coupon code

globalnin.com

La storia di Gerald Earl Gillum meglio conosciuto come G-Eazy

G-Eazy

Si sa, quando si parla di rap americano spesso vengono subito in mente un sacco di rapper neri, oppure Eminem. Ma la verità è che non bisogna essere razzisti nemmeno in questo ambito.
Nel corso degli anni un sacco di gruppi e di artisti dalla pelle chiara si sono fatti strada nel genere Hip Hop: basta ricordare i Beastie Boys, gli House of Pain, Aesop Rock, R.A. the Rugged Man, Ill Bill, EL P, B-Real e chi più ne ha più ne metta…
E recentemente artisti come Mac Miller, Logic, Yelawolf, Machine Gun Kelly, Macklemore e Action Bronson non temono per nulla la concorrenza dei colleghi dai pigmenti diversi.
Specialmente gli ultimi citati sono personaggi molto particolari e molto diversi tra loro, e tra questi troviamo anche Gerald Earl Gillum, meglio noto come G-Eazy.

Gerald è nato il 24 maggio del 1989 a Tempe, in Arizona, dalla relazione nata tra il professore universitario Edward Gillum e Suzanne Olmsted, entrambi di origini ucraine.
La sua infanzia non è stata delle più facili: i genitori si separarono quando lui e suo fratello andavano ancora alle elementari, e la madre li portò a vivere con sé in California, prima a Berkeley e poi a North Oakland.
Quando Gerald ebbe 12 anni, sua madre incominciò ad avere una relazione con un’altra donna. La cosa inizialmente procurò molto imbarazzo nei confronti di Gerald, poi però incominciò a capire e ad accettare la nuova compagna di sua madre, Melissa Mills.
Melissa però soffriva di psicosi maniaco-depressiva e faceva uso di psico-farmaci e poco tempo dopo fu proprio Gerald a trovare il corpo di Melissa, deceduta per overdose.
Nonostante la drammaticità dell’episodio, Gerald ha avuto il coraggio di raccontare l’accaduto nel suo brano “Everything Will Be Ok”, presente nel suo ultimo album When It’s Dark Out.

Per quanto riguarda la sua carriera musicale, iniziò a farsi le ossa nella East Bay Area, supportando Lil B e i The Cataracs, e pubblicando diversi mixtape mentre frequentava il college a New Orleans, che però non ebbero molta fortuna.
Nel 2009 pubblicò l’EP The Epidemic grazie al quale ebbe modo di farsi conoscere e di avere la possibilità di aprire i concerti di Drake, Lil Wayne e Snoop Dogg.
Nel 2011 pubblicò il mixtape The Endless Summer tra le cui collaborazioni compare Devon Balwin, cantante proveniente dal talent show American Idol con cui cominciò ad avere una relazione.
Il 2012 è un’anno molto positivo per Young Gerald: pubblica il suo album indipendente Must Be Nice suscitando l’attenzione della RCA records, che gli fece aprire il tour mondiale di Lil Wayne e 2chainz per tutto il 2013.

Il 2014 è l’anno del suo primo studio album ufficiale These Things Happen co-prodotto con Christoph Andersson e in cui sono presenti produzioni di Jay Ant, Blackbear, Matthew Barnett, Ginuwine, Kanye West e i Daft Punk. L’album uscì ufficialmente il 23 giugno nel Regno Unito, dove è stato registrato l’album, ma il primo brano estratto fu “Been On”, che uscì 9 mesi prima.

In These Things Happen sono presenti anche E-40 in “Far Alone”, A$AP Ferg in “Lotta That”, John Michael Rouchell in “Downtown Love”, Devon Baldwin in “Let’s Get Lost”, Anthony Stewart in “Shoot Me Down” e Remo in “I Mean It”. Proprio “I Mean It” è stato accolto in maniera positiva dal pubblico grazie anche al video in stile “My Name Is” (il video di Eminem, ndr) e da un remix in cui è presente anche Rick Ross.
Un altro brano dell’album che ebbe molta fortuna è “Tumblr Girls”, brano molto chill in cui Eazy descrive le ragazze che usano abitualmente il famoso social network. Qui Christoph Andersson si mette a cantare nell’outro del pezzo.

G-Eazy, grazie all’album, incomincia a suonare in giro per il mondo non più solo per aprire altri concerti, ma anche per esibirsi come main event. Purtroppo però, il viaggiare lo porterà a porre fine alla relazione che aveva con Devon Baldwin.

Nell’ottobre del 2015, Young Gerald ha pubblicato il singolo “Me, Myself and I”, brano che vede la partecipazione dellla cantante Bebe Rexha e che annuncia l’uscita dell’album When It’s Dark Out.
When It’s Dark Out è uscito  il 4 dicembre scorso, è stato scritto da G-Eazy, Andersson e il produttore Southside, vede le produzioni di Cashmere Cat, IAMNOBODI, Boi-1da e K.E. on the track, e vi sono presenti collaborazioni con Tory Lanez, Chris Brown, Big Sean, Too $hort, Starrah, Grace, Kehlani, E-40 e Keyshia Cole.
Questo album alterna la bipolarità dei temi di G-Eazy: da una parte è molto scuro e malinconico, e racconta di come è finita con Devon Baldwin, racconta della morte della compagna di sua madre, del bisogno di stare da solo e dei risultati raggiunti fino a questo punto della sua carriera. Dall’altra parte, invece, sono presenti hit da club come “Order More” e “You Got Me”.

Dal punto di vista delle vendite, When It’s Dark Out sta già avendo dei risultati maggiori rispetto al precedente These Things Happen. Il ragazzo è da tenere d’occhio senza alcuna ombra di dubbio.

About Fabio Baratella

Proveniente dalla provincia di Milano, sono un fan di Mortal Kombat, di Frank Miller, degli Sport Motoristici e del Giappone.

Sparati anche questo!

ennio-morricone

L’eredità di Morricone nel rap

Ieri ci ha lasciato il compositore probabilmente più conosciuto d’Italia, Ennio Morricone. La sua carriera …

Lascia un commento

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>