shopclues offers today 2017

amazon coupons code india

clear trip coupon code promo

flipkart coupon code

globalnin.com

Intervista a Nex Cassel: “il mio disco hardcore suona più moderno della trap”

Nex Cassel (foto by Alberto Pepe) (1 WEB)Foto di Alberto Pepe

Nex Cassel ha pubblicato quest’anno il suo nuovo album da solista, Rapper Bianco, prodotto interamente da St. Luca Spenish. Erano 3 anni che non usciva un album ufficiale di Nex Cassel e questo suo ritorno ha promesso fin da subito bene grazie al singolo “Patrimonio Nazionale”. L’album del rapper della AdriaCosta ci è piaciuto molto, è molto vario ma le canzoni sono legate da un sapore newyorkese molto attuale, quindi siamo andati allo studio Bande Nere Ink dove ha registrato tutto Rapper Bianco per fargli qualche domanda.

RapBurger) Nel disco ci sono delle punchline e delle robe tecniche fiche. Poi non so se tu stai in fissa per le tecniche o meno…
Nex Cassel)
Sono in fissa per la tecnica. Stra in fissa. Quello che voglio fare io è fare roba tecnica che però sia semplice all’ascolto. Magari la prima volta che senti le mie cose ti sembra semplicemente che scorrano bene ma se uno è interessato a vedere come sono costruite le strofe, si rende conto che dietro hanno delle strutture molto tecniche. Diciamo che una volta ero strafissato con la tecnica, dopo invece ho capito che bisogna lasciare scorrere un po’ di più. Quello che ho cercato di fare è stato di proporre una tecniche che però non sia difficile all’ascolto. Quando fai un quadro, deve essere bello da vedere oltre che dipinto bene tecnicamente.

RapBurger) Qualcuno può perdere anche la concentrazione sul tema se bada troppo alla tecnica.
Nex Cassel)
Sì, la roba deve essere funzionale. Conta il risultato finale più che la tecnica.

RapBurger) Secondo me rispetto a Come Dio Comanda questo è un lavoro nettamente migliore specialmente per via dell’affiatamento che dimostri con St. Luca Spenish che secondo me non avevi invece nell’album precedente.
Nex Cassel)
Nel periodo di Come Dio Comanda stavo facendo troppa roba, troppa musica e non sono riuscito a concentrarmi bene per scegliere quali pezzi inserire nell’album e non nei mixtape, che comunque sono quasi degli album visto che le basi sono tutte originali. Ho fatto un po’ di casino in quel periodo là e in più quando si fa un lavoro, anche quando è solista, c’è bisogno di una buona squadra che ci lavori dietro. Io all’epoca non ce l’avevo, lavoravo con tanti produttori diversi e forse ho perso un po’ il focus del disco. Invece nel fare Rapper Bianco ho messo da parte tutti i progetti secondari, ho fatto uscire meno roba e ho ridotto il numero di stili, ciò mi ha permesso di mantenere la concentrazione su alcuni elementi precisi.

RapBurger) Devo dire però che in Rapper Bianco di stili diversi se ne sentono. Per esempio il pezzo con Nigga Dium ha una produzione molto particolare.
Nex Cassel)
Sì, la base ha uno stile che a me piace molto, ricorda lo stile delle produzioni che adesso vanno molto a Brooklyn, con un misto di anni ’90 e delle ritmiche diverse.

RapBurger) Ecco, hai detto Brooklyn e a me Rapper Bianco suona proprio molto New York, le tracce a metà del disco sono molto anni ’90, “Tira Su Le Mani” ha un qualcosa di “Bring The Pain” di Method Man.
Nex Cassel)
Abbiamo cercato di fare le cose più fresche possibili che secondo noi in questo momento sono proprio le cose dei primi anni ’90 e anche un po’ prima. Lo abbiamo fatto naturalmente in una chiave moderna, i beat sono fatti alla stessa maniera con cui venivano fatti a New York negli anni ’90 però poi con il mixaggio e con l’utilizzo di un basso particoare siamo riusciti a fare una cosa che non suonasse vintage. Il basso che abbiamo usato fa da collante tra le basi di derivazione trap e quelle più anni ’90. Secondo noi con questo metodo siamo riusciti a fare delle produzioni più moderne della trap. Ci sono stati alcuni artisti che ci sono piaciuti molto da cui abbiamo preso ispirazione come Smoke DZA.

RapBurger) E’ un trend in effetti. Negli Stati Uniti c’è da un po’ la cosa di riprendere gli anni ’90, mentre qui in Italia ancora un po’…
Nex Cassel)
Ancora un po’ no.

RapBurger) Che poi non lo fanno in maniera nostalgica ma fica.
Nex Cassel)
Esatto, perchè per tutta una fase degli anni 2000 gli unici rimasti a fare la roba anni ’90 erano dei backpackers che facevano della musica molto “soul”, che è della musica che a me scassa un po’ e mi rompe le palle. Anche perchè erano diventati tutti uguali. Noi invece abbiamo semplicemente rimaneggiato quegli elementi là, la roba hardcore non la roba soul che poi ce ne era anche poca negli anni ’90. A noi la roba tipo 9th Wonder o Marco Polo che fanno la roba anni ’90 però col taglio soul nostalgico, ci scassa abbastanza. Non ci piace quella roba. Siamo andati a prendere i nostri riferimenti che poi non sono proprio gli stessi tra me e Luca anche se sono simili. Io sono più orientato su gruppi come Wu-Tang, Mobb Deep e invece Luca è più per B.I.G., di conseguenza il disco è la somma di quello che volevamo fare entrambi.

RapBurger) Sembra un disco molto hardcore e street però c’è anche un altro lato dietro quasi spirituale. “Guarda Il Meteo” parla di un viaggio fisico ma ne suggerisce anche uno dello spirito col peyote, anche “Il Figlio Del Padre” ha un tema religioso e in “Leggenda” dici “scrivo roba sacra”. Da dove arriva questo altro lato?
Nex Cassel)
Io e Luca abbiamo fatto un disco assieme che però non abbiamo mai pubblicato perchè era troppo strano ed era tutto basato su questo tipo di cose, leggevamo libri esoterici e religiosi. Avevamo affittato una casa a Marsala e ci siamo messi a fare un disco tutto a quella maniera. Poi ci sembrava troppo strano e ci siamo detti “no, dobbiamo fare un disco rap”, da qui nasce anche il titolo “Rapper Bianco”. Il disco infatti è pieno di punchline però qualcosa è rimasto di quello che avevamo iniziato a fare. Poteva essere uno degli ingredienti senza per forza essere quello principale perchè altrimenti andavamo a fare qualcosa di troppo strano. Per dirti, a me “Figlio Del Padre” piace molto ed è anche il video più bello di quelli usciti fino ad ora però è quello che ha ricevuto meno feedback. Ci saremmo complicati troppo la vita se avessimo fatto tutto un disco in quella chiave.

RapBurger) Usciranno mai quei pezzi?
Nex Cassel)
Io ho cercato di non ripetere l’errore che avevo fatto nel disco precedente di dare troppa importanza anche ai side projects, mentre in questo caso ho concentrato tutte le energie nell’album. Infatti abbiamo fatto qualcosa come 60 pezzi per arrivare poi a 14. Abbiamo composto questo puzzle cercando di mantenere più lucidità possibile. Tutti i pezzi che sono rimasti fuori andrebbero presi e rivisti, però ti dico… per noi è importante anche solo fare musica senza pubblicarla, fare quei pezzi è stato importante anche per questioni personali.

RapBurger) Invece Rapper Bianco lo avete registrato qui in questo studio a Bande Nere?
Nex Cassel)
Sì, lo abbiamo registrato qui al Bande Nere Records. Abitavamo insieme ed eravamo tutti i giorni in studio. I pezzi sono nati insieme da zero, mentre lui faceva la base io gli dicevo “cambia questo, cambia rullante”… ma non così educatamente eh, bestemmiando (si ride ndr) e lui mi diceva magari “compi questa rima è una cacata” (Nex Cassel qui imita l’accento palermitano ndr). Questa è la maniera in cui mi piace fare le cose, non mi piace mettermi a casa da solo davanti al computer con una base già fatta. Lo abbiamo fatto e mixato noi qui al Bande Nere, dunque ce lo siamo fatti tutto noi. Dopo abbiamo fatto degli stems e con questi siamo andati nello studio di Night Skinny, che comunque fin dall’inizio era venuto qui a trovarci e ci dava qualche dritta, consigli e anche una mano. All’inizio non avevamo intenzione di andare a finalizzarlo da lui ma poi abbiamo avuto questa possibilità, abbiamo fatto degli stems e nel suo studio non abbiamo fatto solo il mastering ma anche la somma analogica. Potevamo farlo tutto da soli però ci andava di avere un orecchio esterno e in più lui ha uno studio incredibile dove ci sono tante cose su cui, a causa di un certo nostro feticismo, volevamo metterci le mani e toglierci questa soddisfazione.

RapBurger) Prendendo spunto dal pezzo “Scuola Classica” dove dici “se vuoi la roba nuova ascoltati i miei dischi vecchi”, volevo chiederti: qual è il tuo parere sulla scena rap italiana?
Nex Cassel)
Il rap italiano è sempre stato indietro, adesso mi sembra che comunque con l’avvento massiccio di internet, la gente cominci a capire di più quello che può essere l’umorismo gangsta rap. Una volta ci massacravano e ci rompevano tutti le balle per questa cosa perchè la gente non riusciva a capire cosa stavamo facendo. In qualche maniera c’è da dire che c’è più apertura però rimane il fatto che l’Italia è indietro e soprattutto la gente deve capire che gli americani inventano le cose, tutto il resto del mondo le copia e se tu sei la copia della copia della copia, ora che arrivi mi sono già rotto i coglioni, stai facendo roba che ha già scazzato il cazzo a tutto il mondo.

RapBurger) Molto particolare anche la scelta delle collaborazioni, partendo da Esa per finire con 3 DJs differenti.
Nex Cassel)
C’è da dire che i DJs sono venuti qui a fare gli scratch e anche i rapper venivano qui a scrivere le strofe.

RapBurger) Quindi è stato fatto tutto tutto qua?
Nex Cassel)
Tutto qua. Siccome non avevamo i piatti, Skinny mi ha prestato 2 piatti. I DJs arrivavano con lo zaino con dentro il mixer, le puntine e il Serato. I rapper sono venuti qua, si sono seduti, orologio buttato in un cassetto e se ne sono andati quando la roba era registrata. No email.

Processed with VSCOcam with a6 presetNex Cassel nel suo studio Bande Nere

RapBurger) Figa come scelta come mai avete deciso di muovervi così? Non lo fa più nessuno ormai mi sembra.
Nex Cassel)
Perchè siamo fighi (si ride ndr). Ci teniamo ad essere fighi e fare le cose nella maniera giusta perchè lo facciamo proprio come stile di vita. Abbiamo fatto il disco in questo modo perchè secondo noi era l’album che un po’ serviva al panorama italiano… senza dire che siamo i salvatori di qualcosa ma ci sembrava che ci fosse una deriva esageratamente pop. Di conseguenza dovevamo fare un disco hardcore, nella maniera più figa possibile naturalmente. Eravamo qua io e Spenish e volevamo fare un pezzo in stile anni ’90 di quelli con Mad Lion o KRS One che facevano il ritornello ragga e ci siamo detti “chi è il numero 1 a fare i ritornelli ragga?”, ci abbiamo ragionato un attimo e abbiamo pensato ad Esa che ci sembrava quello più bravo a fare ‘sta roba, con tutto il rispetto per gli altri. Siamo andati a pranzo insieme, abbiamo parlato un po’ e dopo siamo venuti qui in studio e abbiamo fatto il pezzo.

RapBurger) Abbiamo capito che c’è molto anni ’90 insomma ma invece c’è qualcosa che ti è piaciuto tra le uscite dell’anno scorso?
Nex Cassel)
Il disco preferito è stato quello di Bodega Bamz, poi mi è piaciuto molto anche Troy Ave, questo genere di roba qui insomma.

RapBurger) Tipo Kendrick Lamar che è piaciuto a tutti invece?
Nex Cassel)
Kendrick Lamar, per carità… bei dischi… Good Kid Maad City troppo pop per me. Tante robe belle però io voglio essere rilassato e quando sento un disco non deve partire la porcata altrimenti mi dà fastidio. Mi piace un po’ di tutto ma quando sfocia nel pop non mi piace mai. Anche come rapper, lui è bravo ma certe volte mi suona un po’… non so. Poi Troy Ave l’ha detto chiaramente che Kendrick Lamar è un rapper strano. (si ride ndr)

RapBurger) Ultima domanda, a me è piaciuto molto anche il progetto AdriaCosta Mixtape. Come è nato? Uscirà mai anche in digitale?
Nex Cassel)
C’era un periodo dell’anno scorso in cui Gioielli era ritornato a stare in Veneto e c’ero anche io. Gioielli aveva questa bella casa in stile californiano, piccola però con più giardino che casa. Era vicino al mare e ci siamo presi bene a trovarci là, bere e scrivere barre semplicemente così. Abbiamo fatto un po’ di pezzi un po’ freestyle, infatti non abbiamo mai girato un video di quel mixtape ma abbiamo preferito andare ad una radio e fare una cosa alla Hot97 o alla Stretch e Bobbito. Era quello lo spirito di questo mixtape, non lo avremmo mai fatto uscire se non per il fatto che Dag è stato arrestato. Invece abbiamo recuperato questi pezzi e abbiamo fatto il mixtape solo in copia fisica perchè volevamo tirare su un po’ di soldi per poterli dare a Dag perchè quando uno ha dei processi, di soldi ne deve tirare fuori molti e noi volevamo dare un piccolo aiuto facendo anche una serata.

RapBurger) Quindi non uscirà mai in formato digitale?
Nex Cassel)
Non lo so. Se mai faremo un sito AdriaCosta può darsi però non so quando, magari tra qualche anno. Noi siamo molto contenti così, mi dispiace solo che qualcuno lo abbia caricato su YouTube. Infatti adesso lo abbiamo fatto togliere… in generale è una cosa che non mi piace e in questo caso particolare è una cosa che mi fa proprio incazzare perchè lo abbiamo fatto per tirare su dei soldi per una buona causa. Ci vorrebbe un po’ di rispetto. Io capisco che ormai la condivisione sia inarrestabile però a me non me ne frega un cazzo che questo disco se lo ascolti uno che non lo vuole pagare… si può impiccare per quanto mi riguarda.

RapBurger) Visto che stiamo parlando di quel mixtape volevo chiederti una curiosità mia un po’ personale. Cosa dici nel pezzo “Molto Meglio” quando dici “puoi trovarmi a Londra all’ombra con in mano…” cosa?
Nex Cassel)
Un’ombra. Lo sai perchè? In tutto il Veneto e in particolare a Venezia è normale dire “andiamo a bere un’ombra” che sarebbe un bicchiere piccolo di vino. Tutti i vecchi là lo dicono e da quello che so è nato proprio a Venezia perchè a Piazza San Marco c’erano dei baracchini che stavano sempre all’ombra del campanile. Andémo a béver un’ombra.

About Koki

Amo l'hip hop, il vino rosso, disegnare chiese e vincere. Il mio vero nome è Jorge ma nessuno lo sa pronunciare.

Sparati anche questo!

rapburger al mercato

Torna Rapburger Al Mercato con Fabio Persico

Il rap è sempre più mainstream, lo ascoltano tutti, vero? Proviamolo. Ma quante volte lo …

Lascia un commento

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>