shopclues offers today 2017

amazon coupons code india

clear trip coupon code promo

flipkart coupon code

globalnin.com

Greatest Hits: Kaos

KAOS ONE ONE

Greateast Hits ossia i più grandi successi. Forse vista la natura di questa rubrica sarebbe stato più corretto parlare di “The best of”, ma queste sono sottigliezze. Su RapBurger proveremo a riassumere le carriere dei rapper italiani con una nostra personalissima selezione dei loro pezzi più belli e significativi. Ovviamente la soggettività per raccolte di questo tipo è presente in dose massiccia ma proveremo sempre a miscelare un po’ per accontentare i palati di tutti i fan più accaniti degli artisti che andremo a raccontare.

Marco Fiorito scelse Kaos One come nome d’arte per via delle lettere: Kaos cercava una bella tag piuttosto che un bel nome e la K e la S e in quel periodo (’83) si leggevano molto bene. Se ci basassimo sui commenti della gente dovremmo dire che la musica di Kaos è il vero rap, infatti è uno degli MC’s più amati di sempre dagli ascoltatori dell’hip hop italiano. Sono cinque i dischi solisti ufficiali usciti dal ’96 ad oggi, con il suo ultimo Coup de Grace uscito qualche mese fa. Completano la discografia il suo album d’esordio Fastidio (1996), L’attesa (1999), kARMA (2007), Post Scripta (2011).

FASTIDIO (1996)

Meglio Che Scendi
“Se tu stai sotto, io sto sopra, tu stai avanti, io sto dietro, non ti vedo, tu sei trasparente come il vetro” 1996, il disco era Fastidio e se Kaos ti diceva che eri trasparente come il vetro, dovevi stare muto e tornartene con la coda tra le gambe da dove eri venuto. Nel pezzo ci sta anche Neffa con la barra epica “non conta i dischi che vendi, le tipe che stendi, ma solo le mazzate che prendi” ripresa recentemente da Egreen.

Domani Sarà Peggio
Il Fastidio di Kaos si manifestava al tempo non solo tramite l’aggressività di certe sue canzoni ma anche in rassegnazione, tristezza e depressione che trovavano il loro apice nel brano “Domani Sarà Peggio”. La traccia di Kaos ci trascina dove tutto è nero grazie anche ad una produzione che, con i sample usati, suggerisce una sensazione di amarezza.

Ora Non Ridi Più
Ancora una volta Kaos, in compagnia questa volta di Neffa e Deda, non lascia scampo al fiacco con il quale non ha assolutamente nulla a che fare. Zero commerciale e un sacco spacchiuso

L’ATTESA (1999)

L’Anno Del Drago
Il 2000 era alle porte e Marco Fiorito non aveva un bel rapporto con l’oroscopo ma sapeva che l’anno del Drago nel calendario cinese stava arrivando. Traccia di apertura (senza contare l’intro “Valetoodo”) “L’Anno Del Drago” ha una carica elevatissima di fomento grazie anche alla produzione targata Chico MD aka Deda.

Tofutronik 3000
“One, one, two, check, fanculo Nek”, apre così una delle canzoni meglio riuscite de L’Attesa prodotta ancora una volta da Deda che qui ha sfornato una delle produzioni più belle della storia del rap italiano. Il Maestro Kaos qui dava l’ennesima lezione su cosa significasse essere hardcore e come era importante mantenere l’hip hop puro fuori dal commerciale. Bubba?

La Via Del Vuoto
Un piccolo dramma raccontato da Kaos che dopo essersi affidato quasi interamente a Neffa nel disco precedente, invita il Chicopisco anche ne L’Attesa anche se solo per questa traccia.

KARMA (2007)

La Zona Morta
“Chiamo il panorama col nome di zona morta”. Il paragone tra la scena Hip Hop e il celebre capolavoro di Cronenberg e Stephen King è aspro e polemico. Ma non è solo la scena ad essere criticata, è la società che per Kaos è fasulla basata solo su interessi.

Pandemia
Kaos dissa Dio accusandolo di non esserci, di non rispettare i suoi figli e di averli messi al mondo senza uno scopo condannandoli alla nascita. Forse una delle canzoni più sentite di Kaos che a tratti abbraccia una filosofia malteica piuttosto che atea o agnostica. Ma Kaos non è uno sprovveduto e non attaccherebbe qualcosa in cui non crede, più probabilmente l’odio sputato è sull’uomo che ha creato Dio per dettare regole inutili atte a limitare il potere dell’uomo stesso.


Insomnia
I rapper, o gli scrittori più in generale, non dormono e Kaos non fa eccezione. Un’ode alla paranoia notturna, quella paranoia che ti prende la notte quando sei più solo e vulnerabile. Canzone dai suoni intimi su un beat onirico di Shablo.

POST SCRIPTA (2011)

Dottor K (0%)
Il dottor Kaos è abbastanza arrabbiato e su una base con il sottofondo d’organo non si risparmia. Le sfumature di questa canzone sono molteplici ma la celebre chiusura in scratch che recita “Sono spiacente ma il paziente è morto” seguito dall’encefalogramma piatto evidenzia probabilmente una doppia interpretazione dell’artista sia come dottore che come paziente, in fin dei conti la rabbia espressa è anche un po’ verso se stesso.

La 2ª Metà (Lacrime rosse)
Una canzone dualistica che racconta della scissione in due parti della personalità dello stesso Kaos in reazione a (probabilmente) un tradimento. A volte l’anima si avvelena ed allora la parte più razionale risulta più debole e alla fine “Metà ha deciso che non crede più all’amore
, è la metà che ha ucciso la sua metà migliore.”

Danse Macabre (Somniphobia)
Si torna a dormire, ma stavolta è ancora peggio. Stavolta la paranoia sfocia quasi in depressione, in sfiducia verso sè stessi, in rassegnazione. Nella seconda strofa Kaos suggerisce di abbandonarsi alla forza dell’odio in risposta all’apatia della paranoia notturna. Il beat di DJ Argento con un campione di Mina è quasi horror.

COUP DE GRACE (2015)

1971
Kaos si dedica una canzone dato che il 71 è il suo anno di nascita. A tratti si critica, a tratti si esalta. Ma alla fine il suo modo di essere è riuscito a imporsi sul mondo, alla fine ce l’ha fatta con tantissima sofferenza, ne è valsa la pena? Secondo noi si, ma Kaos si lascia il dubbio.


Coup de Grace
La title track del disco è ancora una volta una critica all’apparenza della società attuale. La metafora stavolta è il palco dove anche se lontano dalle luci tutto va male lo spettacolo va avanti tristemente.

Drakaris
La fonte principale del fascino di questa canzone è dato dalla riunione dei Good Old Boys formati dallo stesso Kaos, i Colle der Fomento e Dj Craim. La canzone suona talmente classica che non si direbbe prodotta nel 2015.

LE COLLABORAZIONI (Bonus Tracks)

Cose Preziose (Fritz da Cat, Novecinquata 1999)
Forse il vero classico di Kaos. Fritz mette un tappeto musicale dove l’artista di Caserta si spoglia completamente ringraziando chiunque lo supporti e chiunque lo abbia supportato: i fan, la madre, l’hip-hop.

La Fenice (Colle der Fomento, Anima e Ghiaccio, 2007)
Già presente tra le migliori hit dei Colle der Fomento, i Colle e Kaos parlano di come le cose stiano andando male, ma di come ciò sia necessario per tornare a splendere come una fenice torna a splendere dalle sue ceneri. La traccia risulta molto esplosiva per le sonorità e il ritmo degli emcees.

Gran Finale (Ensi, Era tutto un sogno, 2012)
Il duetto inedito con Ensi è un ode al fatto che i due rapper non si arrenderanno così facilmente, dato che la rabbia li fa ancora bruciare come il giorno zero, quindi entrambi hanno ancora tanto da dare.

About Gianluca Caboni

Classe '91. Ragioniere programmatore e attuale studente di Scienze della Comunicazione presso l'ateneo di Cagliari. Aspirante scrittore e giornalista. Appassionato di cinema, letteratura, musica e calcio.

Sparati anche questo!

Per tutto questo tempo colle del fomento

Guarda il documentario dei Colle Der Fomento sulla realizzazione di “Adversus”

Ad un anno esatto dalla pubblicazione del loro atteso disco Adversus, i Colle der Fomento …

Lascia un commento

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>