shopclues offers today 2017

amazon coupons code india

clear trip coupon code promo

flipkart coupon code

globalnin.com

Com’erano i rapper italiani su Myspace

Club Dogo Myspace*tutte le foto sono prese dai Myspace delle pagine pubbliche degli artisti

I più giovani di voi non lo ricorderanno ma c’è stato un tempo in cui il social network più usato in assoluto era Myspace. Per farvi un’idea di quanto era popolare il sito creato da Tom Anderson, basta dire che nel giugno 2006 sorpassò addirittura Google come visite dagli Stati Uniti.

Myspace dava la possibilità di creare un profilo personale, di mantenere i contatti con le persone ma soprattutto era la piattaforma regina del panorama musicale. Tutti gli artisti, dai più grandi ai più indipendenti, sono passati da Myspace, dove potevano proporre la loro musica in formato mp3 a tutto il mondo e le date dei loro concerti. In alcuni casi il sito con sede in California è stato determinante per l’ascesa di alcuni musicisti come Adele o gli Artic Monkeys, questo per farvi capire quanto era importante.

Dal 2005 al 2009 Mypace regnava sovrano sui computer di mezzo mondo fino a quando non arrivò Facebook che fagocitò tutto il sistema lasciando il social network di Beverly Hills in mutande e oggi il sito, che non è più di Tom Anderson, non lo visita praticamente più nessuno.

Tom AndersonSe avete utilizzato Myspace questa faccia non vi sarà nuova. E’ Tom, l’amico di tutti.

Naturalmente anche i rapper italiani al tempo erano presenti in maniera massiccia su Myspace; tutta la loro musica e la comunicazione passava da lì, un mix di quello che oggi sono Facebook e YouTube per loro. Dal riquadro che metteva in evidenza la “top friends”, si capivano le simpatie dei vari artisti e qualcuno addirittura si lamentava se per caso lo mettevi accanto ad un rapper che gli stava poco simpatico.

Col tempo anche i rapper hanno abbandonato totalmente Myspace, qualcuno tipo Marracash ha chiuso la sua pagina ma sono in tanti ad avere ancora aperto il proprio profilo e andarli a guardare è come fare un tuffo nel passato di quasi dieci anni.

Sembra di guardare un vecchio album di fotografie, di quando il rap era esploso ma mica così tanto, quando i rapper erano felici di finire al numero uno su iTunes non facendo mai menzione alla Classifica FIMI, un po’ il contrario di quello che succede oggi.

Siccome non è così facile trovarli e in più il sito di Myspace è lentissimo, ci abbiamo pensato noi a scovare i profili più interessanti:

Partiamo da Fabri Fibra, anche ai tempi di Myspace era il rapper con più seguito con i suoi 40mila follower e andando indietro nelle foto del suo profilo si possono incontrare alcune immagini insieme a Vacca, risalenti al periodo precedente ai loro attriti.

Fabri Fibra e VaccaFabri Fibra e Vacca live. Foto di Paolo Proserpio

A proposito di Vacca, anche la sua pagina è ancora attiva con i suoi 25mila contatti e tantissime foto. Backstage di video, live, il suo viaggio in Jamaica… la sezione è ricchissima di foto tra cui una in cui Vacca, con un bel po’ di tatuaggi in meno, ha un baffo/pizzetto mai visto.

VaccaVacca un bel po’ di anni fa

Tra i nuovi talenti che stavano iniziando la loro scalata al successo, nel periodo Myspace c’erano anche Emis Killa e Fedez, rispettivamente con 6mila e 4,6mila follower. Sul profilo di Emis è possibile ancora ascoltare alcuni pezzi di Champagne e Spine e guardare le sue prime foto in versione super zarro con qualche graffito fatto da lui stesso.

EMIS KILLA GIOVANEEmis Killa appoggiato a un suo pezzo

Anche sul profilo di Fedez è possibile ascoltare un bel po’ di canzoni del tempo e tra le sue foto spuntano anche alcuni scatti con Esa ai tempi della Funk Ya Mama.

Fedez EsaFedez ed Esa

Rimanendo sempre a Milano, i Club Dogo hanno ancora attivo il loro spazio, così anche Jake La Furia ma non Guè Pequeno e Don Joe. L’ultimo album promosso dai Dogo su Myspace è Che Bello Essere Noi di sei anni fa e sulla loro pagina si può ascoltare il singolo “Per La Gente”, mentre Jake mette a disposizione “Sub Zero” con Sgarra e Vincenzo Da Via Anfossi e “Serpi”. Inutile dire che anche qui le foto fanno fare un viaggio nel tempo incredibile.

Club Dogofoto di Cesare Cicardini (2007)

La gente ha iniziato a notare Salmo con il video di “Rancho Della Luna” sul finire del 2010, quindi quando Myspace stava piano piano scomparendo ma la sua pagina c’è ancora. Duemila follower, una foto con Necro e un po’ di musica tra cui i demo “Venerdì 06 07″, “Planet Terror” e “BQUEENZ”.

Salmo MyspaceIl Myspace di Salmo

Clementino su Facebook ha superato il milione di “mi piace” ma ai tempi di Myspace le cose erano diverse, doveva ancora arrivare Fabri Fibra, Sanremo, il successo di “O’ Vient”. Vero anche che grazie a competizioni come il Tecniche Perfette, il Valva Rap e il 2 The Beat, Clementino si fece conoscere da tutta la scena rap italiana. Il suo profilo sul social network californiano è ancora aperto, con 5mila contatti e il provino della traccia “Frutti Del Funk” accompagnato dal messaggio “è un provino fatto al volo fatto a casa di amici”.

Clementino EnsiClementino ed Ensi mille anni fa

Anche il Myspace di Ghemon non è stato chiuso, dentro ci sono un bel po’ di canzoni, foto in cui l’artista di Avellino è quasi irriconoscibile e anche il video della sua intervista a Rapture, il programma condotto da Rido.

Ghemon MyspaceGhemon, Mecna Fid, Mella, Hyst e Franco Negrè

Sfera Ebbasta oggi è uno dei nomi più caldi del momento, il mese scorso è uscito con il suo album per la Def Jam ed è un po’ il portabandiera della trap italiana. Ai tempi di Myspace però non era così conosciuto e lo dimostrano i 500 follower nel suo profilo ancora aperto. Dentro ci sono 3 canzoni “Iniorap”, “No S3ss” e “Fake Hate” più un sacco di foto in cui Sfera era molto molto giovane.

Sfera Ebbasta MyspaceUn giovanissimo Sfera Ebbasta

Come passa il tempo eh?

About Koki

Amo l'hip hop, il vino rosso, disegnare chiese e vincere. Il mio vero nome è Jorge ma nessuno lo sa pronunciare.

Sparati anche questo!

PlayboiCarti_s

Arriva Playboi Carti in concerto al Fabrique di Milano

Da quando è uscito il fenomeno, l’Italia l’ha sempre supportato e amato: finalmente Playboi Carti, …

Lascia un commento

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>