shopclues offers today 2017

amazon coupons code india

clear trip coupon code promo

flipkart coupon code

globalnin.com

Snoop Dogg: 24 anni di carriera senza mollare

snoop-dogg-neva-left-coverArtista: Snoop Dogg
Titolo: Neva Left
Etichetta:Doggystyle / Empire
Anno: 2017

Snoop Dogg non ha bisogno di presentazioni. Stiamo parlando di colui che 24 anni fa esordì con un album che rimarrà per sempre nella storia dell’Hip Hop: “Doggystyle”. Colui che nonostante gli innumerevoli generi in cui ha spaziato, dal G-Funk al Gangsta rap anni 2000, dalla Dance elettronica al Funky soul, dalla Dubstep alla Trap odierna, continua ad essere uno dei migliori rapper in circolazione.

La maggior parte di noi conosce la discografia del buon Cordozar Calvin Broadus Jr, ma negli ultimi tempi non ha avuto molta attenzione: nel 2015, dopo l’esperimento non proprio riuscito bene di “Snoop Lion” (risalente al 2013), Snoop è tornato con un album co-prodotto con Pharrell, suo grande amico, che è stato acclamato dalla critica, ma a cui non sono seguiti dei gran numeri di vendita: “Bush”. Dopo questa piccola delusione ha seguito poi l’anno successivo “Coolaid”, lavoro in cui ha dimostrato di saperci fare anche con le sonorità trap moderne. Il problema fu che “Coolaid” vendette un decimo di quello che vendette “Bush”. Snoop Dogg però non è tipo da farsi scoraggiare molto facilmente da questo tipo di cose, ed è così che quest’anno ha deciso di tornare con il suo quindicesimo album ufficiale, un album che sa a stare al passo coi tempi, ma che strizza l’occhio al suo vecchio stile: “Neva Left”.

“Neva Left” è un titolo eloquente. Già dalla cover (una foto scattata ai tempi di “Doggystyle”) si capisce che si tratta di un album che riflette sul suo passato. Un passato che lui non ha mai lasciato alle spalle, come i luoghi in cui è cresciuto. È facile capire che i temi di cui tratta sono per la maggior parte le fasi e le persone che Snoop ha incontrato in 24 anni di carriera: nel suo cammino ha trovato un sacco di ostacoli e di persone che gli hanno remato contro, ma alla fine, il punto su cui insiste il buon Snoop Dogg, è che lui è ancora qui, e la sua missione è quella di diffondere il proprio amore per la propria gente e tutti coloro che lo supportano ancora.

Snoop ha iniziato a promuovere l’album con un singolo che delizia tutti gli amanti del Classic Hip-Hop: “Mount Kushmore”, uscito il 25 aprile, che ospita i versi di niente poco di meno che Redman, Method-Man e B-Real. Una pubblicità mica da ridere. L’album invece è uscito il 19 maggio e vedi i featuring di: KRS-One, Devin the Dude e Wiz Khalifa, Kaytranada e BADBADNOTGOOD, Charlie Wilson e Teena Marie, Rick Rock, Too $hort e Nef The Pharaoh, Big Tray Deee, K Camp, Big Bub, Stresmatic e October London. Queste collaborazioni sono state scelte tutte in modo da celebrare pietre miliari dell’hip hop, amici e collaboratori che nel corso del tempo hanno avuto rispetto per Snoop Dogg. Le produzioni invece sono state curate per la maggior parte da Dj Battlecat.

In occasione della promozione dell’album, Snoop Dogg ha rivelato un aneddoto curioso durante un’intervista alla rivista XXL, che riguarda i primi contatti del rapper di Long Beach con Dr. Dre. Lo storico producer degli NWA, dopo che il gruppo si sciolse nel 1991, decise di dedicarsi al suo primo album solista, e grazie al fratellastro Warren G incominciò ad ascoltare la musica di Snoop Dogg, dalla quale fu molto colpito. Dre decise di chiamarlo per chiedergli di collaborare, ma la prima reazione di Snoop Dogg fu:

“Io ti metto giù, n***o, tu mi stai prendendo in giro, tu non sei il f*****o Dr. Dre”.

Di sicuro questa non è la risposta che il buon Dre si aspettava, ma lui lo richiamò e gli disse:

“N***o vedi di venire in studio lunedi”.

E da quel lunedì incominciarono a lavorare a “The Cronic”.

Durante l’uscita del video di “Lavender” (il feat con BADBADNOTGOOD e Kaytranada, per intenderci) Snoop Dogg ha dovuto affrontare una controversia e un’accusa dal parte del governo: nel video si vede un clown incredibilmente somigliante a Donald Trump, al quale Snoop Dogg spara con una pistola giocattolo. Il presidente degli USA non l’ha presa proprio sportivamente, e adesso Snoop Dogg è uno dei personaggi tenuti d’occhio dalla CIA oltre a Joey Bada$$ e YG. Questa potrebbe essere considerata una sciocchezza, ma è il segnale che nonostante sia passato tanto tempo da quando ha iniziato, Cordozar Calvin Broadus Jr ha ancora qualcosa da dire. Per concludere diciamo che sì, i 45 anni il buon D – O – double G li sente, ma il punto è che lui è sempre rimasto nei nostri cuori, non li ha mai lasciati. E non ha intenzione di farlo.

About Fabio Baratella

Proveniente dalla provincia di Milano, sono un fan di Mortal Kombat, di Frank Miller, degli Sport Motoristici e del Giappone.

Sparati anche questo!

Mumble rap

Che cos’è il mumble rap?

Così come in politica, anche nel mondo del rap ci sono sempre state (almeno) due …

Lascia un commento

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>