shopclues offers today 2017

amazon coupons code india

clear trip coupon code promo

flipkart coupon code

globalnin.com

NBA: i campioni sono i Golden State Warriors di Kevin Durant

NBA Finals

Finisce 4 a 1 per i Golden State Warriors. Il titolo NBA 2017 torna a Ovest, nella Bay Area, Cleveland esce a testa alta dalla serie, LeBron James – “win or lose stays the King” – rimane il Re del basket confermando la sua onnipotenza cestistica con una serie di finale chiusa in ‘tripla doppia’ di media (33,6 punti, 12 rimbalzi e 10 assist di media, di media) come lo scorso anno.

Ma non è bastato a battere una squadra piu forte dei suoi Cavs.

Nel post partita di gara1 James aveva risposto con due lettere – K e D – alla domanda su cosa facesse la differenza tra i suoi Cavs e i Warriors. KD, le iniziali di Kevin Durant. Proprio lui è stato devastante in tutta la serie di finale, prendendo per mano Golden State e marcando una differenza sostanziale nella partita decisiva della notte scorsa. Gli Warriors hanno dovuto combattere per tutta la partita contro una squadra come i Cavs che credevano fermamente nella remuntada dopo l’incredibile vittoria di gara 4 (record NBA all time per punti segnati in un quarto, 49 e punti totali in una gara, 136). Poche ore fa Kevin Durant ha segnato canestri incredibili nei momenti piu difficili, chiudendo le finali con un totale di 176 punti (oltre 35 punti di media) e venendo nominato MVP.

Si compie cosi il destino del fuoriclasse n° 35 che questa estate ha lasciato i Thunders di Okhlaoma per firmare con i Golden State Warriors, che già senza di lui erano considerati una dei migliori team NBA, rendendo il team gialloblu una corazzata sulla carta inarrestabile. La loro forza non è stata dirompente ma l’impressione di essere i piu forti, quasi illegali, ci era stata confermata durante la stagione regolare e soprattutto durante i play-off in cui Golden State ha vinto 15 partite consecutive chiudendo in 5 gare le finali contro un superteam come quello di LeBron, di Irving (pazzesco in gara 3 e 4 e purtroppo nella gara di stanotte molto probabilmente è stato infastidito da un infortunio) e come quello degli altri “die hard” dell’Ohio come JR Smith e Thristan Thompson.

Nella serie finale i Cavs hanno pagato alcuni errori al tiro in gara 3 (persa in casa) e soprattutto in gara 5 non ha avuto strumenti per resistere ad un mostruoso Durant, a Curry e alle scelte dell’allenatore Kerr che ha reso protagonisti decisivi gregari di lusso come West e Iguodala.

In definitiva queste finali sono state tra le piu belle di sempre, con un tasso tecnico agonistico di livelli mai visti, con personaggi come Kevin Durant e LeBron James che si sono sfidati in 1 contro 1 per la goduria degli oltre 25 milioni di persone collegate in ditetta tv e streaming in tutto il mondo.

La stagione è finita ma tra poco si riparte: con le scelte dei giocatori universitari, con le superstar in scadenza di contratto che forse cambieranno team stringendo alleanze per battere i campioni, si ripartirà con un mostruoso nuovo accordo collettivo per spartirsi la golosissima e ricca torta dei diritti tv (a.k.a pioggia di milioni di dollari per società, lega, giocatori). Tra pochi mesi poi si ritornerà in campo con 29 squadre che correranno per detronizzare i campioni NBA 2017, i Golden State Warriors.

(Flavio Zocchi)

About RapBurger

www.rapburger.com è il magazine dove potrai saziare la tua fame di rap.

Sparati anche questo!

MAZE FOTO CONFERENCEMAZE_2018_day1_0205

Maze Festival: tre giorni a Torino tra streetwear e streetculture

Nel weekend del 7-8-9 Giugno, a Torino torna il Maze Festival: la manifestazione, giunta alla …

Lascia un commento

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>