shopclues offers today 2017

amazon coupons code india

clear trip coupon code promo

flipkart coupon code

globalnin.com

La storia di Bryson Tiller: l’artista che rifiutò Drake

Bryson Tiller

È una delle voci più brillanti e apprezzate dell’RnB recente. A 24 anni ha all’attivo un tour come frontman negli Stati Uniti, un album platino e due singoli doppio platino certificati dalla RIAA. Ha collaborato con artisti del calibro di Rihanna, DJ Khaled, Jazmine Sullivan, Travis Scott e Young Thug. Di chi parliamo? Di Bryson Tiller, e oggi vi racconteremo la sua storia.

Bryson Djuan Tiller, nasce il 2 gennaio a Louisville (Kentucky). Ha 4 fratelli, sua madre venne a mancare quando lui aveva 4 anni ed è stato cresciuto da sua nonna. Iniziò a rappare a 15 anni, per fare colpo sulle ragazze del liceo che frequentava, e quando finì la scuola incominciò a lavorare per la catena di ristoranti Papa John’s Pizza e per UPS.

13413189_240928476292666_1915891329_n
Bryson Tiller è il bambino in basso a destra

Nel 2011 pubblicò il suo primo mixtape, Killer Instict Vol.1, il quale però non ricevette molte attenzioni (come molto spesso capita per i primi mixtape). Nel 2013 divenne padre di Harley e dopo quasi 4 anni di tempo decise di pubblicare nuovamente del materiale musicale su Soundcloud, e lì ebbe decisamente molta più fortuna. Nell’ottobre del 2014 pubblicò il brano “Don’t”, facendo registrare di 4 millioni di stream in meno di 6 mesi. Un dato che non può passare inosservato sotto gli occhi di internet e delle label. Il singolo venne anche remixato da artisti come D.R.A.M, Sevyn Streeter, Mila J e K Camp. Persino Drake gli propose di entrare in OVO, ma lui rifiutò. Poi, come spesso capita per gli “internet outsider”, il singolo venne ripubblicato dalla RCA Records il 20 maggio dello stesso anno, e Bryson si mise al lavoro per il suo primo album: T R A P S O U L.

Bryson Tiller passò quindi da farsi i beat da solo in salotto a collaborare con Dope Boi, Timbaland e Sango negli studi della RCA. T R A P S O U L venne pubblicato il 2 ottobre 2015 e fu un successo: 6 mesi dopo la pubblicazione l’album divenne platino e molte riviste come Complex, Pop Sugar e The Root lo inserirono tra i migliori album del 2015.

Nel marzo del 2016 il sindaco di Louisville gli ha dato le chiavi della città. L’artista ha fatto delle comparse nei lavori di DJ Khaled (Major Key) e Travis Scott (Birds In The Trap Sing McKnight). Ha avuto delle discussioni con Steven J. Dorn, il suo manager, con il quale ebbe anche una causa legale. Il manager sosteneva che Bryson gli doveva dei soldi per il mancato avviso di licenziamento durante il “Trapsoul Tour”, Bryson gli diede quei soldi e fece in modo di non avere più a che fare con Dorn, appropriandosi completamente delle royalties di “T R A P S O U L”.

Ad inizio 2017 Bryson annunciò di essere al lavoro per un nuovo album. L’11 maggio 2017 annunciò il titolo True To Self , la data di uscita, che doveva essere il 23 giugno, e pubblicò “Honey”, “Somethin Tells Me” e “Get Mine (ft. Young Thug)”. L’artista di Louisville però decise di pubblicarlo un mese prima, perché non gli sembrava giusto che i fan dovessero aspettare un altro mese. A fine maggio di quest’anno True To Self è diventato il suo primo album a raggiungere la vetta della Billboard 200, raggiungendo l’equivalente di  107.000 copie vendute.

È anche ritornato a collaborare con DJ Khaled, con il fortunatissimo singolo “Wild Thoughts”, brano che nemmeno ad un mese di distanza dalla release è diventato platino in quasi tutto il mondo.

Pochi sanno che Bryson Tiller è un appassionato del gioco di carte Yu-Gi-Oh! e un assiduo frequentatore dei circuiti del motor sport americano (Nascar, Indycar, ecc…). L’artista che più l’ha ispirato a incominciare a fare musica è Omarion, e ha indicato il suo album “O” come uno dei suoi preferiti di tutti i tempi.

surprised they let me get thru customs with all this power.

Un post condiviso da Tiller (@brysontiller) in data:


Quest’anno ha anche fatto da supporto a The Weeknd per il “The Legend of the Fall Tour”, assieme a Lil Uzi Vert, in giro per il mondo, e ora è pronto per il suo primo world tour come Main Artist, e verrà accompagnato da Metro Boomin e H.E.R. in America e da Iamddb in Europa.

Ci sarà anche una data del “Set It Off Tour” a Milano, All’Alcatraz, il 13 novembre. Per acquistare i biglietti clicca qui

 

About Fabio Baratella

Proveniente dalla provincia di Milano, sono un fan di Mortal Kombat, di Frank Miller, degli Sport Motoristici e del Giappone.

Sparati anche questo!

CROMO

Cromo: “la musica è la mia vita, non penso ad altro”. L’intervista

Sono le 17:30 a Milano c’è già buio ma piazza della Repubblica è illuminata dai …

Lascia un commento

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>