shopclues offers today 2017

amazon coupons code india

clear trip coupon code promo

flipkart coupon code

globalnin.com

Così suona lo stupefacente nuovo disco di The Night Skinny: “Pezzi”

Pezzi

Pezzi, pezzo, il pezzo di che? Il pezzo di pane, il pezzo di merda. I pezzi rap, i pezzi sui treni, i pezzi di coca, i Pezzi di Night Skinny. Gli effetti della cocaina, della codeina, dell’alcol, dell’erba, dello speed, del crack, dell’eroina, degli acidi, sono questi quelli che cerca di proporre TNS con il suo nuovo album che uscirà domani con un packaging curatissimo, alla moda, ma non quella moda che sanno tutti, quella di Supreme e amici, è qualcosa di più raffinato.

Tolto il bellissimo impacchettamento di Pezzi – Il Futuro Non Ha Fretta, andiamo a vedere come suona il disco.

L’album si apre subito con un piano che mette ansia, da film thriller, e alcuni dialoghi presi da dei documentari sulle droghe:

“Cocaine overdose, who was brought in comatose. His temperature was 108 and we never could get his temperature down”

E ancora

“The consumption of the drug causes the user to go into a deep state of trance and have very vivid hallucinations”.

Anche senza conoscere bene l’inglese potete capire che si stanno per aprire le porte verso un mondo di paranoie acide ed euforia e chi si occuperà della consegna di questi pezzi sono alcuni degli artisti più in forma della scena rap italiana più qualche chicca dall’Inghilterra. The Night Skinny ha selezionato sedici spacciatori di rime, dai veterani Guè Pequeno (che ci prende gusto e canta in due pezzi), Luchè e Noyz Narcos, ai giovani Rkomi, Tedua, Izi, Ernia, Samuel Heron, Lazza, Coco, Vale Lambo, passando per le conferme di Mecna e Johnny Marsiglia (in uno dei suoi rarissimi pezzi di quest’anno).

Un botto di pezzi ma occhio perché l’album di Skinny non è una playlist di Spotify con le migliori tracce di tutti i rapper elencati sopra, anzi è capace che molti seguaci dei vari Tedua e soci possano trovare un po’ ostico il sound che avranno di fronte. Tutti i rapper (come già successo per 0 Kills) sono stati messi alla prova e hanno dovuto dare il meglio di loro su dei suoni atipici; in Italia oggi niente (o poco) suona come le strumentali create da Night Skinny per il disco.

Un po’ industriale, un po’ trap, un po’ Blade Runner ed un po’ Tron, e alla fine dei conti, nonostante tutti i pezzi da quaranta presenti nel disco (con le ottime prove di Guè, Tedua, Izi, Samuel e Lazza), il protagonista rimane The Night Skinny, è lui il regista del film.

Pezzi – Il Futuro Non Ha Fretta è fuori domani totalmente indipendente con il supporto di Thaurus e ArtistFirst e sarà disponibile in due formati: la versione “classica” che conterrà il disco con una fanzine, interamente scattata da Vladimir Milivojevich, in arte Boogie, artista serbo e la versione “deluxe”, invece, che conterrà inoltre il disco in versione strumentale e uno sticker pack, realizzato da Corrado Grilli, con un adesivo per ogni traccia dell’album e una carta di credito customizzata.

Il futuro non ha fretta, fanculo domani.

About Koki

Amo l'hip hop, il vino rosso, disegnare chiese e vincere. Il mio vero nome è Jorge ma nessuno lo sa pronunciare.

Sparati anche questo!

Fetti Roma

“Fetti”, l’album di Curren$y, Freddie Gibbs e Alchemist

Dopo previe collaborazioni come “Scottie Pippen” (Covert Coup, 2011) e “Fetti” (GTA V, 2014), il …

Lascia un commento

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>