shopclues offers today 2017

amazon coupons code india

clear trip coupon code promo

flipkart coupon code

globalnin.com

Priestess si merita la nostra attenzione

priestiess

Il nome di Priestess è uno di quei nomi emergenti che nell’ultimo anno si stanno facendo sentire. Tuttavia, non è certamente tra i nomi più acclamati o che godono di particolare attenzione da parte di pubblico e stampa.
Questo fatto mi ha da subito colpito. Perché se andiamo ad analizzare il suo disco di debutto, Brava, dentro ci sono tutte le premesse per dire che Priestess ha sicuramente talento ed anche tanto potenziale.

Brava mette in mostra innanzitutto le doti vocali della giovane artista. Priestess sa interpretare in modo intelligente i vari brani, usando la propria voce per dare forza alle parole e alle atmosfere in cui si immerge ( si vedano ad esempio le interpretazioni di “Morgana”, “Andromeda” o “EVA”). I beat partono dagli stilemi della trap, ma si aprono a soluzioni variegate che permettono all’artista di esplorare territori apparentemente anche distanti tra loro, dal sound molto disco anni ’80 di “Fata Morgana” e “Eco”,  al groove quasi funk di “Maria”, fino agli echi soul di “Betty”. La scrittura è interessante, si passa da esercizi di stile ben articolati come “Brgitte” o “Xoxo”, ad episodi molto personali, come “Alice”, in cui Priestess scava dentro di sé e ci racconta i suoi lati più intimi e nascosti.

In sostanza, un album di debutto convincente, distante dai tanti cliché del genere, ma anche più sentito e coinvolgente rispetto ai tanti dischi fotocopia di trap sterile e tutta uguale. Seppur resti comunque un disco che segna l’inizio di un percorso e che quindi è ancora in cerca di un’identità forte e coerente, di idee e di suono.

Tuttavia,  Priestess  mi ha colpito ancor di più live, sul palco sfidante di Santeria Social Club. Priestess è un’artista consapevole dei propri mezzi che sa approcciare alla performance live con la giusta attitudine. La sua personalità sul palco è evidente e le permette di domarlo in pochi istanti facendola stare completamente a proprio agio. D’altronde l’intesa con DJ Arienne è ben collaudata e le due portano a casa un’ora abbondante di live convincente, grazie anche al supporto degli ospiti chiamati ad arricchire la performance, dai fratelli maggiori di Tanta Roba Gemitaiz e Madman, alle amiche di Porta Venezia, Myss Keta, Joan Thiele e Roshelle.

Sia i brani più battaglieri che i brani più intimi, vengono interpretati con intensità e accompagnati da un’ottima performance vocale. Il pubblico, anche se non troppo numeroso, ha avvertito l’energia magnetica di Priestess e infatti ha risposto empatizzando con lei in maniera convinta. Ed è una bella novità visto che siamo ormai abituati ad artisti emergenti che non curano molto questo aspetto e che hanno oggettive difficoltà a portare su un palco brani che pur su disco sembravano interessanti, ad eccezione di pochi fuoriclasse come ad esempio Massimo Pericolo.
Insomma, Priestess è un artista capace che sa di avere il giusto talento per giocarsela. Un talento non confinato dentro le mura di uno studio di registrazione, ma che emerge in maniera evidente anche nei suoi live, fattore distintivo rispetto ai tanti emergenti che non hanno la sua consapevolezza o le sue capacità.

pries

Eppure, come si diceva all’inizio, Priestess non è tra nomi più gettonati. La domanda del perché non lo sia non ha una risposta certa, però si possono ipotizzare alcuni fattori che possono aver influito.

Sicuramente Priestess, per scelta personale, non è tra le più esposte mediaticamente e sui social. Lo dice chiaro nei suoi testi e lo ribadisce anche il titolo del suo disco. Vuole affermarsi per il proprio talento, perché sa fare questa cosa. Non sente il bisogno di dover concentrare tutto sulla sua immagine, mettendo in mostra il proprio aspetto o dando in pasto ai social la propria vita privata.
In secondo luogo, la comunicazione della sua musica forse non è stata così efficace. Dopo la pubblicazione del disco era stato annunciato il tour, ma è stato subito rimandato e lei era quasi sparita dai social. Dopo qualche live primaverile, il tour doveva essere ripreso tra ottobre e novembre, ma anche in questo caso alcune date sono saltate. E comunque le date restanti sono state poco comunicate, per l’impatto che poteva avere Priestiess. Questo può aver contribuito a non lanciare immediatamente tra gli addetti ai lavori e poi all’attenzione del grande pubblico il suo nome.

Comunque sia, la storia di Priestiess ci impone una riflessione. Nel mare della comunicazione di oggi in cui tutti vogliono apparire ed avere successo, non è facile a volte individuare chi merita davvero attenzione per la musica che fa e per il talento che ha. Perché anche nella musica è pieno di protagonismi, con gente che seppur non ha nulla da comunicare, riesce comunque a farsi apprezzare giocando sull’immagine ed utilizzando la musica come mezzo di affermazione personale.

Allora conviene andare oltre le solite apparenze. Perché una come Priestess si merita la nostra attenzione e merita di avere una chance per giocarsela con il suo talento ed affermarsi come può e dovrà fare in futuro.

About Francesco Zendri

Insaziabile di musica e cibo, vere e proprie ragioni di vita, amo scrivere e vado matto per la criminologia.

Sparati anche questo!

Per tutto questo tempo colle del fomento

Guarda il documentario dei Colle Der Fomento sulla realizzazione di “Adversus”

Ad un anno esatto dalla pubblicazione del loro atteso disco Adversus, i Colle der Fomento …

Lascia un commento

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>